Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
 All Forums
 Storia delle ferrovie
 Germania - Locomotive a vapore
 BR 13.0 (S 3 Prussiana)

Note: You must be registered in order to post a reply.
To register, click here. Registration is FREE!

Screensize:
UserName:
Password:
Format Mode:
Format: BoldItalicizedUnderlineStrikethrough Align LeftCenteredAlign Right Horizontal Rule Insert HyperlinkInsert EmailInsert Image Insert CodeInsert QuoteInsert List
   
Message:

* HTML is OFF
* Forum Code is ON
Smilies
Smile [:)] Big Smile [:D] Cool [8D] Blush [:I]
Tongue [:P] Evil [):] Wink [;)] Clown [:o)]
Black Eye [B)] Eight Ball [8] Frown [:(] Shy [8)]
Shocked [:0] Angry [:(!] Dead [xx(] Sleepy [|)]
Kisses [:X] Approve [^] Disapprove [V] Question [?]

 
Check here to subscribe to this topic.
   

T O P I C    R E V I E W
Nino Carbone Posted - 07 March 2012 : 23:26:18
BR 13.0 (S 3 Prussiana)
2   L A T E S T    R E P L I E S    (Newest First)
Gian Michele Sambonet Posted - 09 February 2020 : 16:16:44






- Michele -
Nino Carbone Posted - 07 March 2012 : 23:29:52

- BR 13.0 (S 3 Prussiana) -





- Cenni di storia -

Nella seconda metà del XIX secolo, le locomotive veloci tedesche erano principalmente di tipo 1'B.

Questa disposizione degli assi garantiva macchine corte e stabili, ma l'inserzione in curva a velo­cità sostenute era un po' rigida
e ag­gressiva per le rotaie.

Inoltre, un pro­blema di sovraccarico dell'asse por­tante anteriore che sosteneva i cilin­dri, costrinse a spostare questi ultimi tra
l'asse portante e il primo asse motore, rendendo la macchina relati­vamente mal equilibrata.

August von Borries, allora direttore del materiale di trazione delle Preußische Staatseisenbahnen presso la KED (Königliche
Eisenbahndirektionen) di Hannover, nel 1890 costruì, a titolo sperimentale in due esemplari, la pri­ma 2'B tedesca veloce
(100 Km/h), poi classificata "S 2 Hannover".

Il carrello anteriore era già stato introdotto a metà '800 sulle "Norris", ma si trattava semplicemente di un carrello portante
e non sterzante, con una inefficace inser­zione in curva e un insufficiente controllo delle sollecitazioni laterali.

Von Borries si ispirò alle locomotive modello "American", che negli Stati Uniti viaggia­vano spedite senza problemi anche sulle
li­nee decisamente mediocri.

Il carico veniva tra­smesso direttamente alle molle a ba­lestra del carrello attraverso guide di scorrimento laterali, che non
interfe­rivano minimamente con i movimenti del carrello.

Quest'ultimo veniva semplicemente portato in linea dalle molle a balestra.

Questo carrello progettato da von Borries as­sunse il nome di "Bauart Hannover" e da allora equipaggiò sempre le locomotive
tedesche dimostrando le sue eccellenti qualità.

Un'altra caratteristica presente sui prototipi era il motore a doppia espansione a 2 cilindri, già introdotto su questa classe di
locomotive con le S 1 del 1884.

Risale al 1880 la sua prima locomotiva a doppia espansione, una piccola locomotiva tender con rodiggio 1A
e con il motore posto fra i due assi, la T 0.

August von Borries divenne negli anni successivi uno dei più convinti sostenitori del sistema Compound in Germania e fu
lui a sviluppare il famoso motore a quattro cilindri allineati, con cilindri ad alta pressione interni e cilindri a bassa pressione
esterni, che poi prese il suo nome.

Ma si rese anche conto che i vantaggi della doppia espansione erano rilevanti nelle macchine progettate per viaggi ad alta
velocità e su lunghe distanze, ma non necessariamente per le macchine destinate al traffico locale, con brevi tragitti
e soste frequenti.

Così nel 1891 progettò per le Ferrovie Prussiane la P 3, una 2'B a espansione semplice per treni omnibus, che ottenne
rapidamente un grande successo.





Nel 1893, dal momento che la Rete Prussiana aveva migliorato le sue li­nee e poteva permettersi un mag­gior carico assiale,
von Borries poté presentare la S 3, una "American" potente e pesante per treni rapidi con ruote da 1.980 mm.

Nel contem­po presentò anche la P 4, un locomotiva derivata dalla S 3 con ruote di 1750 mm che fu prodotta in due versioni,
una a espansione semplice e una compound.

Le S 3 e le P 4 rappresen­tavano il modello tipico della loco­motiva prussiana per treni passeggeri di fine XIX secolo e inizio XX.

Le S 3 potevano trainare treni di oltre 300 tonnellate a più di 75 km/h, una velocità all'epoca considerata ottimale.

Le DRG riclassificarono la serie come BR 13.0, ma le 27 macchine sopravvissute furono ritirate nel 1927.




- Dati tecnici -



- Anni: 1893-1894 -
- Rodiggio: 2'B n2v -
- Lunghezza: *17.561 mm -
- Velocità massima: 100 km/h -
- Diametro ruote motrici: 1.980 mm -
- Diametro ruote carrello portante: 1.000 -
- Potenza: --- PSi -
- Diametro cilindri: 460/680 mm -
- Corsa: 600 mm -
- Griglia: 2.32 mt2 -
- Pressione in esercizio: 12 kp/cm2 -
- Carico massimo per asse: 15.6 ton -

- Tender preuß: 3 T 15 / 2'2' T 16 / 2'2' T 20 / 2'2' T 21.5* -

- Unità costruite: 1027

- Unità riclassificate DRG: 28 -

- Numerazione DRG: BR 13 001-028 -

- Sei locomotive con interasse più lungo furono costruite per le Ferrovie Oldemburghesi (1903-1904) poi riclassificate BR 13 1801-1806 -




- Immagini -

- S 3 Stettin 241 nel 1908 -



- Foto: Krebs -



- S 3 Magdeburg 230 nel 1910 -



- Foto: Krebs -



- Fonte: Taschenbusch Deutsche Dampflokomotiven -
- Nino / Michele -

Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06