Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
 All Forums
 Argomenti ferroviari
 Composizioni internazionali
 La Valigia delle Indie / Peninsular Express

Note: You must be registered in order to post a reply.
To register, click here. Registration is FREE!

Screensize:
UserName:
Password:
Format Mode:
Format: BoldItalicizedUnderlineStrikethrough Align LeftCenteredAlign Right Horizontal Rule Insert HyperlinkInsert EmailInsert Image Insert CodeInsert QuoteInsert List
   
Message:

* HTML is OFF
* Forum Code is ON
Smilies
Smile [:)] Big Smile [:D] Cool [8D] Blush [:I]
Tongue [:P] Evil [):] Wink [;)] Clown [:o)]
Black Eye [B)] Eight Ball [8] Frown [:(] Shy [8)]
Shocked [:0] Angry [:(!] Dead [xx(] Sleepy [|)]
Kisses [:X] Approve [^] Disapprove [V] Question [?]

 
Check here to subscribe to this topic.
   

T O P I C    R E V I E W
Piero Chionna Posted - 20 April 2010 : 00:38:17
<< ....Una sera di ottobre del 1872 un gentiluomo inglese, in seguito a una scommessa con alcuni appartenenti al suo stesso club, saliva assieme al domestico Passpartout sul treno internazionale "India Mail", noto nel resto d’Europa come "Valigia delle Indie", alla stazione londinese di Victoria Station...


È così che Phileas Fogg inizia il suo "Giro del mondo in ottanta giorni", frutto della fantasia di Jules Verne.

In questa discussione, con il vostro aiuto, vorrei raccogliere notizie e documenti sulla mitica "Valigia delle Indie" (La Malle des Indes) e sul "Peninsular Express", senza alcuna pretesa di riproduzione del convoglio.


Da London




a Brindisi



via Calais - Parigi



10   L A T E S T    R E P L I E S    (Newest First)
Piero Chionna Posted - 14 May 2020 : 15:44:21
quote:
Originally posted by Piero Chionna








Lo stesso punto, oltre cento anni dopo.
Al confronto delle navi da crociera diventano insignificanti anche le generose dimensioni della Stazione Marittima che sostituì la vecchia stazione della Valigia delle Indie

Piero Chionna Posted - 13 May 2020 : 00:33:35

Uno scatto straordinario del "Peninsular Express" trainato dalla FS 6339 (poi Gr.630.039)
L'immagine è stata scattata il 3 Marzo 1912 nei pressi di Francavilla al Mare dal fotografo Gigi Grea.




(Fonte Facebook - Arnaldo Vescovo)
Piero Chionna Posted - 12 May 2020 : 01:42:47

Foto e testo tratti da "Stazione Marittima di Brindisi" di Brundarte
http://www.brundarte.it/2019/10/07/stazione-marittima-brindisi/

“Spunta il piroscafo dietro le Pedagne. Talvolta per effetto del miraggio s’ingrandisce e prende le forme di un antico alto vascello. A tutta forza di macchina si avvicina al porto. Chi non è al suo posto vi corre; ed è un affaccendarsi anche nell’interno della città. Se domandi la causa di tanto frastuono, di tanto movimento, ti si risponde seccamente. « La Peninsulare è in vista.(..)
Il piroscafo raggiunge il canale di comunicazione fra i due porti. Sovrasta per grandezza a tutti gli altri bastimenti che sono ancorati in porto. La lancia dell’Ufficio di porto gli muove incontro per dargli pratica sotto il bordo. Oltrepassato il canale, il piroscafo accosta dolcemente a dritta e senza dar fondo, si ormeggia, in pochi minuti, rimpetto all’ agenzia della Peninsulare, disponendosi lungo le banchine, dalla quale resta distante per pochi metri. Il guidone, che sventola all’albero di Trinchetto, con tre croci bianche in campo rosso, indica che il piroscafo porta la valigia delle Indie.
Due ponti in legno, appositamente costrutti, mettono tosto il piroscafo in comunicazione con la banchina. I passeggeri per l’uno, e le valigie per l’altro discendono. I primi s’avviano, seguiti dai facchini che portano i loro bagagli, alla sala delle visite doganali, e le seconde sono deposte, avvolte in sacchi, sui carri per essere trasportate al treno. Tu vedi d’ ogni foggia vestiti; il lusso europeo e la semplicità indiana. Tu vedi la razza mongolica e quella caucasica. Le principali lingue europee ti feriscono il timpano con le loro dissonanze. I cocchieri offrono le loro vetture ai passeggeri, pronunciando in modo orribile qualche parola inglese e dimenandosi smorfiosi. Dei carri, delle vetture quale torna, quale dirige pel treno o per la stazione. Dopo mezz’ora ritorna la calma. Il piroscafo ha sbarcato i passeggeri e le valigie; e va ad ormeggiarsi, senza mai dar fondo, al lato occidentale del canale per rifornirsi di carbone. È bello, magnifico, sorprendente vedere questi piroscafi, talvolta della portata di 3000 tonnellate, manovrare e muoversi in uno spazio acqueo di metri 250.”



Il salone della vecchia Stazione Marittima di Brindisi



Piero Chionna Posted - 01 February 2020 : 15:03:22
24 luglio 1904 (Brindisi ndr)

Carissima Luisa. dopo 14 ore di viaggio, con un caldo soffocante, sono qui giunto, e, per riposarmi, ho fatto dopo pranzo una bellissima gita in barca, sin fuori il porto e il castello del Barbarossa, di cui ti mando una veduta.
C'è un chiaro di luna incantevole e tu pure ti saresti divertita, se ci fossi stata. Domani vo a Bari.
Tanti cordiali saluti dal tuo Francesco (?)






Il citato castello del Barbarossa è in realtà il Castello Alfonsino, detto anche Castel Rosso, a sua volta collegato al Forte a Mare. Il complesso sorge sull'Isola di Sant'Andrea, oggi collegata alla terraferma da una diga a protezione di Bocca di Puglia.
Il complesso non va confuso con Il Castello Svevo, detto anche Castello Svevo-Aragonese o Castello di Terra che sorge sulla sponda del Seno di Ponente del porto interno.
Per quanto riguarda la nave, leggasi Isis e non Iris.
Piero Chionna Posted - 10 December 2019 : 11:36:04


"Dining Car" in esercizio sul "Peninsular Express" Calais - Brindisi.
Da "Engineer" del 30 settembre 1892

https://www.vintagedition.com/1892-dining-car-peninsular-oriental-express-calais-brindisi

Piero Chionna Posted - 15 October 2019 : 18:40:55
Ancora una bella cartolina antica che mostra la vecchia stazione di Brindisi Porto ai tempi della Valigia delle Indie.
La nave (Isis?) che assicurava il collegamento Brindisi Port Said sembra ancorata in mezzo al Seno di Levante del porto interno.
Si potrebbe ipotizzare che stesse attendendo la partenza della nave carboniera oppure l'arrivo del Peninsular Express da Calais, visto che il convoglio non è in stazione.

Il mittente si premurò di descrivere la scena scrivendo sul fronte della cartolina che il battello a due camini nel canale è la Valigia delle Indie (Malle des Indes)



Piero Chionna Posted - 27 May 2019 : 11:05:25
Dal quotidiano di Mulhouse "Express" del 13 ottobre 1891

da Archivio Bibliothèque nationale de France (Gallica).



Piero Chionna Posted - 19 May 2019 : 21:41:47
Il sito "Brundarte" ha pubblicato una pagina dedicata all'Hotel Internazionale realizzato a Brindisi dalla Società Italiana per le Strade Ferrate Meridionali con lo scopo di garantire ospitalità alberghiera ai viaggiatori della Valigia delle Indie.
La pagina mostra una esauriente raccolta di immagini degli interni dell'hotel come si presenta oggi, oltre a una serie di documenti storici.
Tra le fonti citate dall'autore a fine pagina è indicata anche la presente discussione del forum Märklinfan.

http://www.brundarte.it/2017/12/27/hotel-internazionale/

Piero Chionna Posted - 07 February 2019 : 10:42:53
Nella vastissima produzione di cromolitografie che accompagnavano i prodotti della storica "Chocolaterie d'Aiguebelle" troviamo anche questa dedicata alla Valigia delle Indie.
Faceva parte della serie "Les grandes voies ferrées"

Piero Chionna Posted - 05 July 2018 : 10:28:38
Magazine settimanale "Free Brindisi", anno 1 numero 18 del 9 marzo 2012

"Brindisi e la Valigia delle Indie", da pagina 10 a pagina 18

https://issuu.com/freebrindisi/docs/freebr_0018_09032012


Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06