Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
 All Forums
 Storia delle ferrovie
 Germania - Locomotive a vapore
 BR 56.20-29

Note: You must be registered in order to post a reply.
To register, click here. Registration is FREE!

Screensize:
UserName:
Password:
Format Mode:
Format: BoldItalicizedUnderlineStrikethrough Align LeftCenteredAlign Right Horizontal Rule Insert HyperlinkInsert EmailInsert Image Insert CodeInsert QuoteInsert List
   
Message:

* HTML is OFF
* Forum Code is ON
Smilies
Smile [:)] Big Smile [:D] Cool [8D] Blush [:I]
Tongue [:P] Evil [):] Wink [;)] Clown [:o)]
Black Eye [B)] Eight Ball [8] Frown [:(] Shy [8)]
Shocked [:0] Angry [:(!] Dead [xx(] Sleepy [|)]
Kisses [:X] Approve [^] Disapprove [V] Question [?]

 
Check here to subscribe to this topic.
   

T O P I C    R E V I E W
Nino Carbone Posted - 09 May 2012 : 00:04:17
BR 56.20-29
1   L A T E S T    R E P L I E S    (Newest First)
Nino Carbone Posted - 09 May 2012 : 00:19:06

- BR 56.20-29 (Prussiana G82) -



Alla fine della Prima Guerra Mondiale tutti gli Stati tedeschi accusarono la perdita di locomotive
potenti da impiegare nel trasporto merci medio pesante.

Dal Württemberg giunse la proposta di derivare dalla G12 (BR 58 in costruzione dal 1917),
una locomotiva più corta e con lo stesso rodiggio 1'D.

L'idea presentata venne accolta dal Ministero prussiano competente e commissionata alla Henschel
di Kassel che ne produsse 85 unità tra il 1918 e il 1920 classificate G83 (BR 56.1).

Questa locomotiva non mantenne però le aspettative di servizio richieste.

La potenza era inferiore rispetto alle classi comparabili e i costi di manutenzione erano
troppo onerosi per queste locomotive a 3 cilindri.

Mentre la prima serie delle G83 era ancora in produzione le KPEV decisero di commissionare,
sempre alla Henschel, una variante semplificata a 2 cilindri.

Nell'aprile 1919 vennero consegnati i primi esemplari di questa nuova classe, classificata G82.

I cilindri ed il motore vennero modificati solo con piccole variazioni, le caratteristiche tecniche principali
rimasero invariate, i primi riscontri positivi si notarono nei percorsi di prova rilevando un aumento di potenza.

Della classe G82 vennero costruite 851 unità, 319 delle quali uscirono dalle officine Henschel.

Altre industrie parteciparono alla costruzione: AEG - Hanomag - Jung - Linke/Hofmann - Krupp -

Il tender 3 T 20 loro abbinato era lo stesso della G83 (BR 56.1) e della G12 (BR 58) con capacità di 6 ton.
di carbone e 20 m2 di acqua.

Gli ultimi 2 esemplari, BR 56 2906 e 2907 vennero consegnati nel 1927.

Queste ultime 2 macchine prevedevano un impianto di combustione a polvere di carbone che poi venne
installato anche sulle BR 56 3130 e 2801.

Su diverse G82 fu installato un secondo duomo dove l'acqua di alimentazione subiva una depurazione
prima di entrare nella caldaia ed era collocato davanti al duomo principale fra le 2 sabbiere.

Potevano trainare treni di 980 ton. a 35 km/h su rampa del 5‰ e treni da 720 ton. a 25 km/h su salite del 10‰,
il peso massimo per asse (17.7 ton) ne limitava però l'impiego su alcune linee.

La velocità massima, inizialmente prevista di 65 km/h, con alcune modifiche (tra le quali l'alleggerimento
dei contrappesi delle ruote motrici), fu aumentata su alcune unità a 75 km/h. e per le loro doti
di buona accelerazione furono utilizzate anche per servizi passeggeri locali.

Nel 1925 con il passaggio alle DRG vennero riclassificate: BR 56.20-29.

Alla fine del secondo conflitto mondiale 650 macchine rimasero nella parte occidentale della Germania,
(ma una gran parte di loro era già stata accantonata) e 60 furono assegnate alle D/DR.

Nel 1959 le unità erano scese a 164 di cui solo 112 erano in grado di circolare ed erano assegnate
ai depositi del nord e dell'ovest.

Ben presto furono lentamente destinate a servizi meno importanti concludendo la loro carriera
(fino agli inizi degli anni '60), nei grandi scali per manovre pesanti.

Solo la BR 56 2637, già ritirata, venne utilizzata a Duisburg come locomotiva di riscaldamento fino al 1966.

Con le D/DR ebbero una vita più lunga, nel 1969 erano ancora in attività 17 locomotive
e nel 1970 le ultime 4 di questa classe vennero accantonate.




- Dati tecnici -

- Anno: 1919/1927 -
- Rodiggio: 1' D h2 -
- Lunghezza: 16.995 mm -
- Velocità massima: 65 km/h -
- Diametro ruote motrici: 1.400 mm -
- Diametro ruote bissel anteriore: 1.000 mm -
- Potenza: 1.390 PSi -
- Diametro cilindri: 620 mm -
- Corsa: 660 mm -
- Griglia: 3.42 m2 -
- Pressione di esercizio: 14 kg/cm2 -
- Carico massimo per asse: 17.7 ton -

- Tender preuß: 3 T 20 -

- Unità costruite: 851+8 -

- Unità riclassificate DRG: 851+8 -

- Numerazione DRG: BR 56 2001>2485 / 2551>2916 / 3001>3008** -


- Provenienza: *3001>3008 Ferrovia Lubecca-Büchner (LBE) -



- BR 56 2573 con il secondo duomo di alimentazione e depurazione acqua (tra la sabbiera e il duomo principale) -



- Foto da: worldrailfans.info -



- BR 56 2567 nei pressi di Amburgo nel 1930 -



- Foto Ph.Ltd / da: eisenbahn-und-modellbau.de -



- Foto copertina da: Mondo Ferroviario -
- Fonti
- Taschenbusch Deutsche Dampflokomotiven -
- Mondo Ferroviario -
- iTreni oggi -

- Nino -

Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06