Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Argomenti ferroviari
 Linee
 La Ferrovia Genova-Casella (FGC)
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Author Previous Topic Topic Next Topic  

Nino Carbone

5938 Posts

Posted - 29 August 2012 :  13:41:07  Show Profile  Reply with Quote
La Ferrovia Genova-Casella (FGC)

Nino Carbone

5938 Posts

Posted - 29 August 2012 :  13:54:13  Show Profile  Reply with Quote

- Ferrovia Genova-Casella (FGC) -





- Cenni di storia -

La conformazione orografica della Liguria non favorì la diffusione delle strade ferrate, che nella seconda metà dell'Ottocento
si registrò in altre Regioni del nostro Paese.

All'inizio del Novecento infatti facevano capo a Genova soltanto le linee ferroviarie delle due Riviere, dall'entroterra quella
del Turchino assieme alle due dei Giovi, confluite poi nel 1905 nelle Ferrovie dello Stato.

In quel periodo però i progetti non mancavano, anche per far fronte al crescente bisogno di mobilità.

Fra i diversi progetti ferroviari si registrò un'iniziativa che interessò il Comune di Sant'Olcese:la Società Anonima
Ferrovie Elettriche Liguri (SAFEL), si propose di realizzare un collegamento su strada ferrata tra Genova e Casella
in Valle Scrivia, con la previsione di due "rami" lungo la suddetta valle, una verso ponente fino a Busalla e l'altra
verso levante a raggiungere Montoggio, Torriglia e la Val Trebbia.

Il tracciato si presentava impegnativo e occorreva un progetto che rispondesse a criteri tecnici di sicurezza e avesse
anche una copertura finanziaria.

I tempi slittarono anche per la lunga pausa del primo conflitto mondiale, finalmente all'inizio deglianni Venti iniziarono
i lavori.

La costruzione richiese impegno e ingegno, soltanto verso la fine del decennio si poterono effettuare le prime corse
di prova con convogli trainati da una locomotiva a vapore.

Il 1 settembre 1929 la linea Genova-Casella divenne operativa sulla lunghezza di 24 Km a binario unico con scartamento
metrico a trazione elettrica.

Fu studiato un tracciato che dalla stazione di Genova (Piazza Manin) risalisse in quota la Val Bisagno, superasse
lo spartiacque gravitando per un tratto in Val Polceverae si concludesse in Valle Scrivia (da cui l'appellativo
"Ferrovia delle Tre Valli).

Un percorso difficile, caratterizzato nel primo tratto da strette curve, ponti, gallerie e notevoli pendenze (fino al 45
per mille) per raggiungere, dai 93 mt. della stazione di Genova, la quota più elevata (458 mt.) a Crocetta di Orero,
quindi una discesa più dolce fino ai 410 mt. di Casella.

La linea inizialmente non raggiungeva l'abitato di Casella, situata oltre lo Scrivia, ma si concludeva presso il deposito,
ubicato a sud del torrente, i binari arrivarono in paese soltanto nel 1953, con il prolungamento di circa 900 mt.

Nel 1929, con l'avvio del servizio, l'esercizio fu assunto dalla Società Anonima CostruzioneEsercizio Ferrovie (SACEF)
e vennero accantonate le ipotesi di prolungamentodel tracciato lungo la Valle Scrivia nonostante
non mancasse la clientela.

I servizi automobilistici erano divenuti nel frattempo efficienti e le nuove linee studiate a suo tempo avrebbero comportato
costi non indifferenti - rispetto ai presumibili ricavi - in un territorio per lunghi tratti scarsamente popolato.

Negli anni Trenta sorsero difficoltà di ordine finanziario con altri subentri:

- STEAL (Società Trazione Elettrica Appenninio Ligure) e verso la fine del decennio -
- SAGEF (Società Anonima Genovese Esercizi Ferroviari) costituita dalla società di autolinee "Lazzi" -
(La Società di autolinee Lazzi fu fondata in Toscana ma operava da anni anche in provincia di Genova)


Nei primi anni Quaranta - nonostante la guerra - la gestione fu alquanto positiva e anzi proprio per questa ragione i convogli
furono utilizzati quotidianamente o settimanalmente dai numerosi lavoratori genovesi sfollati con le famiglie per il timore
dei bombardamenti in città.

Alla fine del conflitto, però, gli impianti e il materiale rotabile, sfruttati al massimo e non rinnovati da anni necessitavano
di urgenti e costosi interventi.

La società Lazzi rinunciò alla ferrovia, che nel 1949 fu traferita ad una "Gestione Commisariale Governativa".

Durante l'oltre mezzo secolo di conduzione l'impianto corse seri rischi di chiusura nel corso delle periodiche valutazioni
dei cosiddetti "rami secchi" ferroviari, ma fu invece risparmiato e potenziato.

A seguito dell'acquisto di motrici più potenti - già operanti presso altre reti -e con la sostituzione dei binari ormai inadeguati
la velocità sulla linea venne aumentata da 28 km/h a 35 km/h.


Velocità che appaiono modeste a chi non conosce la linea, però essendo un tracciato tortuoso (in curva per il 45% del percorso)
e con tratti in notevole pendenza (superata ad aderenza semplice) è da considerarsi a tutti gli effetti una linea di montagna
pur se vicina al mare.

Con l'inizio del 2002, nel quadro delle competenze assunte dalle Regioni, è subentrata alla Gestione Commisariale,
la "Concessionaria S.r.l. Ferrovia Genova-Casella"avente la Regione Liguria quale "Socio Unico".

Il 16 aprile 2010 l'ultimo assetto con il trasferimento della gestione alla AMT di Genova S.p.A. a seguito di una gara bandita
dalla Regione stessa.




- Immagini -






- Stazione di Piazza Manin nel 1930 -





- Casella deposito - Locomotiva a vapore in manovra -





- Una delle elettromotrici acquistate nel 1935 dalla cessata Società Veneta -





- La motrice 29 con treno storico a Sardorella -





- L'elettromotrice A 5 in ambientazione invernale (dicembre 1981) con la vecchia livrea -





- L'elettromotrice A 5 nel 2011 con i nuovi colori AMT -





- Testo parziale e foto da: Una corriera per Sant'Olcese / Guido Bevegni / Corrado Bozzano / Nuova Editrice Genovese -
- Per gentile concessione degli autori -

Go to Top of Page

Nino Carbone

5938 Posts

Posted - 30 August 2012 :  11:56:42  Show Profile  Reply with Quote


- La ferrovia in costruzione nei pressi di S.Olcese -

- Le gallerie Talliate e Tullino in fase di ultimazione -




Foto: Archivio Ferrovia Genova-Casella -



- Il borgo di S.Olcese è fiancheggiato dalla ferrovia che forma un tratto a ferro di cavallo -

- Tra le due gallerie è situata la Stazione da cui è appena partita l'elettromotrice B52 con 3 carrozze -




- Foto P.Gassani -



- Foto tratte da: I trasporti in Valpocevera / M.Lamponi / C.Serra / Nuova Editrice Genovese -
Go to Top of Page

Nino Carbone

5938 Posts

Posted - 17 September 2012 :  19:12:25  Show Profile  Reply with Quote


- La locomotiva diesel D1 di provenienza DB (ex 252) -



- Foto Hans-Joachin Stroh / da: bahnbilder.de -


- Nino -
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
7582 Posts

Posted - 21 October 2012 :  12:09:05  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Nuova elettromotrice in arrivo:

http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2012/10/09/APLmE1eD-casella_nuovo_trenino.shtml

Piero

Piero
Go to Top of Page

Nino Carbone

5938 Posts

Posted - 30 October 2016 :  10:30:42  Show Profile  Reply with Quote


- Dopo la riapertura numeri da record e sconto biglietti -

- http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2016/10/29/ASYFx9tE-trenino_biglietti_casella.shtml -


- Nino -
Go to Top of Page
  Previous Topic Topic Next Topic  
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06