Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Argomenti tecnici di modellismo
 Modelli di altre marche
 ETR242 Hornby Rivarossi
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Next Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 2

Mario Puleo

Italy
1225 Posts

Posted - 22 January 2009 :  13:19:50  Show Profile  Visit Mario Puleo's Homepage  Reply with Quote
Appena dopo Natale e' uscita la riedizione Hornby dell'ETR242 Lima con il marchio Rivarossi, col codice HR2030. In attesa di provarlo meglio e documentare le prove e la conversione in alternata comincio con una piccola recensione.


Il modello pare abbia avuto un discreto successo di pubblico ed e' stato stroncato dalla critica.
Alcuni esperti hanno fatto il giro dei forum lanciando anatemi contro Hornby, il modello e anche chi lo ha comprato. I maggiori difetti identificati sono : vetro anteriore senza cornice, tergicristalli massicci, incisione delle porte che si restringe di qualche decimo di mm passando dalla cassa al sottocassa, fascia verde intorno ai finestrini troppo alta e con spigolo vivo anziche' arrotondato. Se questo lascia anche voi, come me, pressoche' indifferenti, proseguite nella lettura.
Il modello visto ad una distanza da plastico e con occhi umani ha un buon aspetto, i colori sembrano corretti. La foto mette in evidenza l'imperfetta chiusura delle casse ma dal vivo si nota meno.
La cosa piu' fastidiosa secondo me e' la distanza tra l'elemento motorizzato(e' quello senza pantografo, in fondo nella foto) e prima rimorchiata, circa 5 mm, dovuta al timone fissato al carrello della motrice mentre nella rimorchiata c'e' il meccanismo di allontanamento. Con questo sistema, ereditato dal modello Lima, gira sul raggio 36 cm senza problemi. Anche il passaggio tra carrozze sopra i carrelli Jacobs si apre un po' troppo in curva e lascia vedere l'interno ma almeno e' tutto nero e non si nota molto. Le tendine dei finestrini della motrice sono quasi tutte chiuse per nascondere il motore, purtroppo hanno chiuso allo stesso modo anche quelle dell'altro elemento di testa dove il motore non c'e' .
La conversione al sistema tre rotaie e' facile, la cosa piu' difficile e' aprire la cassa. I carrelli di estremita' sono predisposti per il pattino, si puo' montare sia con la vite che con le alette, dopo aver rimosso la basetta; la seconda soluzione permette al pattino di comprimersi di piu' sugli scambi.

La modifica all'impianto elettrico e' semplice, si spostano pochi fili, si monta il decoder multiprotocollo sulla presa NEM a 8 poli e il modello e' pronto a girare. Le luci, LED bianchi caldi e rossi, sono attive solo sulla motrice. Per farle funzionare anche all'altra estremita' bisogna montare pattino e decoder per funzioni
anche dall'altra parte. Non c'e' nessuna condotta elettrica che passa lungo il convoglio e i pantografi non sono collegati. Il funzionamento e' regolare e silenzioso con buona velocita' massima.
Io l'ho provato solo su binari K: con la motrice in trazione gira bene ma ha qualche difficolta' sugli scambi inglesi lunghi (2275), in spinta e' piu' delicato. Bisogna comunque avere binari ben posati.
Per finire, prezzo di listino intorno ai 270 euro, si trova anche a 220 euro.

Mario

Maurizio Birolini

Italy
474 Posts

Posted - 22 January 2009 :  17:41:20  Show Profile  Reply with Quote
Mario tienici aggiornati su eventuali sviluppi. Io ho visto il modello e non ho riscontrato tutti questi difetti scritti, anche vero che ho guardato il modello senza lente d'ingradimento, ultimamente il gruppo RR-HR stà migliorando molto la sua produzione, il RAE mi sembra ben fatto, anche se magari si potrebbe trovare dei difetti. Grazie della recensione fatta, una domanda Mario, sul binario c potrebbe migliorare il " difetto" da te descritto? Maurizio

Maurizio
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
7559 Posts

Posted - 27 September 2009 :  10:15:24  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Ciao Mario,
questo elettrotreno mi è sempre piaciuto, e devo dire che anche il modello, sebbene migliorabile in alcuni particolari, mi affascina molto.
Prevedi di illuminarlo ?
L'hai già provato con i pantografi in presa sotto la nuova linea aerea Märklin ?

Ciao,
Piero









Piero
Go to Top of Page

Mario Puleo

Italy
1225 Posts

Posted - 27 September 2009 :  12:03:12  Show Profile  Visit Mario Puleo's Homepage  Reply with Quote
L'ho provato a Caluso sul PMM ed ha circolato senza problemi solo se il tracciato non comprendeva deviate. Sulle deviate i carrelli intermedi potevano prendere la via giusta o quella sbagliata indifferentemente con effetti curiosi, la testa del treno su un binario e la coda su quello parallelo. Non ho provato ad alzare i pantografi.
Tutte le elaborazioni sono rimandate a quando si sara' capito perche' si comporta cosi'. Ho il secondo carrello della motrice fissato male perche' si e' rotto un dentino, mi sembra strano che possa influire sul quarto o quinto carrello.
Una cosa molto simpatica e' la velocita' massima, da vero ETR.
ciao

Mario


Mario
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
7559 Posts

Posted - 27 September 2009 :  15:47:18  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Ciao Mario,
il tuo ETR242 è invitato a viaggiare anche sul "Plastico Marklinfan".
Ti assicuro che l'esercizio della rete farà di tutto per garantire la regolarità della marcia con i pantografi in presa.
Accetti l'invito ?

Ciao,
Piero

Piero
Go to Top of Page

Mario Puleo

Italy
1225 Posts

Posted - 27 September 2009 :  17:40:31  Show Profile  Visit Mario Puleo's Homepage  Reply with Quote
Era assolutamente scontato che sarebbe venuto anche a Genova
Il collaudo sul PMM e' stato disastroso ed ha confermato quello che mi succedeva sui miei binari K. Non riesco a capire se e' un problema del mio o generale. Devo risolverlo prima di Genova, se no vuol dire che ci accontenteremo di TUI, CNL, Transalpin....
Ho un centinaio di personaggi che aspettano solo di salire a bordo e viaggiare sul Plastico Marklinfan

Mario
Go to Top of Page

Maurizio Birolini

Italy
474 Posts

Posted - 28 September 2009 :  19:08:53  Show Profile  Reply with Quote
Mario, faccio una domanda scontata, ma forse molto interessante. Volevo chiederti se il problema non derivi dall'altezza dei bordini delle ruote? Io, con carri di altre marche, ho constatato che è un problema derivante dalla differenza dei bordini, ovviamente dei modelli in CC, mentre con modelli per CA non ho questi problemi, questo è frutto di una prova fatta con due carrozze della Roco, cambiando le ruote con quelle per CA ho risolto questo problema che si evidenziava su qualsiasi scambio, la differenza, anche di soli 2 decimi di MM, si è mostrata sufficente ad ovviare al problema sugli scambi.Forse le ruote hanno i bordini troppo piccoli e fanno scherzi sugli scambi, certi modelli non sono così sensibili, mentri altri possono creare problemi all'altezza del cuore metallico dello scambio, ovvero dove c'è la "V" fatta di metallo, certe ruote scendono troppo e si deviano, almeno nelle mie prove. Maurizio

Maurizio
Go to Top of Page

massimo carvelli

Italy
361 Posts

Posted - 28 September 2009 :  20:18:21  Show Profile  Reply with Quote
Vorrei aggiungere che, oltre alla altezza dei bordini, gli assi in CA hanno una distanza di 14,0mm tra i bordini, mentre quelli in CC hanno 14,3mm (vedi catalogo Roco nelle pagine degli assali di ricambio).
Questo 3 decimi in più fanno si che quando l'asse si trova con la ruota vicino al "cuore" dello scambio, questa ruota prenda talvolta la "strada sbagliata".
Credo che si possa risolvere (io non ho mai provato) a "stringere" di 3 decimi (!!!!) le ruote degli assi.
In alternativa andrebbe aumentato lo spessore della controrotaia che serve proprio per "richiamare" tutto l'asse verso la "strada giusta". Io ho provato questa seconda soluzione con degli scambi inglesi M e con carri merci Roco con assi in CC, e ha dato buoni risultati: ho attaccato una striscia di 5 decimi di polistirene alla controrotaia nel lato verso la rotaia. (spero sia chiaro).
Saluti a chi - affannosamente - cerca rotabili italiani

Siamo schiavi delle leggi, per poter essere liberi (Cicerone)
Go to Top of Page

Mario Puleo

Italy
1225 Posts

Posted - 29 September 2009 :  08:52:23  Show Profile  Visit Mario Puleo's Homepage  Reply with Quote
Certo, l'altezza dei bordini e la distanza tra le ruote conta.
Pero' mi aspettavo che sui binari C funzionasse senza problemi, visto che la geometria e' uguale ai C Trix e dal forum di Trenoincasa mi dicono che non hanno problemi (ma nessuno ha provato con i C, solo Fleischmann e Peco). Avevo avuto gli stessi problemi con il TGV Lima e la cura era stata zavorrare le carrozze, ingrassare gli snodi e cambiare assi. Dopo andava perfettamente.

Mario
Go to Top of Page

massimo carvelli

Italy
361 Posts

Posted - 30 September 2009 :  19:52:55  Show Profile  Reply with Quote
Certo Mario, allora anche io non capisco perchè sugli C non funzioni.
Hai verificato - DI PERSONA - che i Marklin-C siano Identici ai Trix (C) nella disposizione delle rotaie??

Siamo schiavi delle leggi, per poter essere liberi (Cicerone)
Go to Top of Page

Carlo Rastelli

Italy
1664 Posts

Posted - 02 December 2009 :  11:04:08  Show Profile  Reply with Quote
A Genova ha fatto un gran figurone....il funzionamento è stato eccellente, sul modulo di Luca si muoveva con la parvenza di una Murena
Ottimo modello complimenti!!!
Ciao, Carlo

Ciao!
Carlo
Go to Top of Page
Page: of 2 Previous Topic Topic Next Topic  
Next Page
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06