Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Indice delle Pagine locomotive Scala H0
 Svizzera - Elettriche
 RAe TEE
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Previous Page | Next Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 4

Piero Chionna

Italy
7134 Posts

Posted - 14 February 2013 :  12:18:01  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote

Il video presenta interessanti riprese d'epoca del "Gottardo" e di altri TEE

http://www.notrehistoire.ch/video/view/237


Boudry, 1961

http://www.notrehistoire.ch/photo/full_view/18705/

Piero

Piero
Go to Top of Page

Alberto Pedrini

Italy
10299 Posts

Posted - 03 July 2013 :  11:01:46  Show Profile  Visit Alberto Pedrini's Homepage  Reply with Quote

In arrivo a Wassen

http://www.youtube.com/watch?v=KeZyBn39IP8&feature=share&list=UUvaUMf3-dFcvjI0htyVmi_Q

Alberto
Go to Top of Page

Nino Carbone

4382 Posts

Posted - 03 March 2014 :  17:15:41  Show Profile  Reply with Quote


- RAe TEE a Veytaux-Chillon / 2 ottobre 1983 -



- Foto D.Hansmann -


- Nino -
Go to Top of Page

Nino Carbone

4382 Posts

Posted - 13 November 2018 :  12:35:41  Show Profile  Reply with Quote

- Integrazione alla presentazione di Gian Michele Sambonet -

- RAe TEE SBB -



- Foto Georg Trüb -



- Il RAe TEE passa da 5 a 6 elementi -

Nel corso dei primi anni di servizio i 2 TEE Zurigo-Milano (Gottardo) e Parigi-Milano (Cisalpino) conobbero una buona affermazione,
ma l’autentico successo toccò al Cisalpino.

Su questo treno, nei giorni di maggiore affluenza, divenne difficile soddisfare l'altissimo numero di richieste di prenotazioni,
soprattutto fra Parigi e Losanna.

In concomitanza con le festività di fine anno dell’inverno 1965-66, venne per la prima volta deciso di fare circolare 2 treni RAe TEE
fra Parigi e Losanna.

La SNCF tuttavia non accettò che i 2 convogli viaggiassero a comando multiplo, perciò fra Parigi e Vallorbe venne impiegato
un secondo RAe TEE (bis) che viaggiava a distanza di blocco dal primo.

La soluzione dei 2 treni risultò onerosa, in quanto richiedeva il raddoppio del personale di macchina, di scorta e di servizio
nella carrozza ristorante.

L’idea fu quella di aumentare la capienza del convoglio in altro modo, ricorrendo a quanto già preventivato addirittura in sede di progetto,
ossia aggiungendo un sesto elemento a ciascun treno.

Si trattava di una carrozza intermedia da 42 posti a sedere che avrebbe portato la capienza da 174 a 216 posti.
(42+48+42+42+42 / L’unità motrice era priva di posti a sedere)

I 4 elettrotreni RAe TEE 1051-1052-1053-1054 vennero modificati entro l’ottobre del 1966.

Inoltre per poter disporre di una maggiore elasticità di esercizio (sia per la sostituzione di treni fermi per riparazioni, sia per l’effettuazione
di corse bis), venne decisa la costruzione di un quinto elettrotreno già nella versione a 6 elementi.

Il RAe 1055 venne consegnato il 10 novembre 1967.

Nonostante l’aumento della composizione, la domanda dei posti in determinati giorni continuò fino a superare abbondantemente l’offerta,
costringendo comunque a raddoppiare il “Cisalpin”.

A partire dal 12 aprile 1968, la SNCF accordò l’autorizzazione alla circolazione di 2 treni accoppiati a comando multiplo.

- Fonte: iTreni oggi 63 -



- Consegne -

- RAe 1051 / 28 aprile 1961 -
- RAe 1052 / 21 giugno 1961 -
- RAe 1053 / 16 settembre 1961 -
- RAe 1054 / 29 giugno 1961 -
(RAe 1051-1052-1053-1054 modifica con l’aggiunta del sesto elemento entro ottobre 1966)

- RAe 1055 / 10 novembre 1967 -
(A 6 elementi)



- Pantografi -

Grazie ad accordi particolari fra le varie amministrazioni ferroviarie il numero dei pantografi dei TEE policorrenti svizzeri fu limitato
al numero di 4 nonostante la diversità dei sistemi di alimentazione e dei limiti di ingombro.

Per consentire la circolazione sotto tutte le linee di contatto delle reti del Raggruppamento TEE, a seguito delle ricerche preliminari condotte
dall’ORE, furono progettati 4 pantografi che, grazie alla particolare geometria dei bracci, furono collocati sull’imperiale il più vicino
possibile all’asse di rotazione dei carrelli, ottimizzando al massimo la loro centratura rispetto alla catenaria.

- Link correlato ORE: https://it.wikipedia.org/wiki/Office_de_Recherches_et_d%27Essais -

I pantografi erano collocati sulla carrozza motrice ed erano numerati da 1 a 4 partendo da quelli posizionati in corrispondenza della porta
d’ingresso esterna.

La fotografia mostra i pantografi 3 e 4; quelli a doppio strisciante erano posizionati alle estremità, quelli a strisciante singolo erano
posizionati internamente.



- Foto da: iTreni oggi 63 -



- I pantografi che venivano usati nelle diverse reti -

Clic foto



- Schema da: iTreni oggi 63 -



- Schema da: iTreni oggi 63 -



- Configurazione segnali ottici RAe TEE nei vari Paesi -



- Schema da: scalaenne.wordpress.com / originale commons.wikimedia.org -



- Relazioni dei RAe TEE -



- Opera di Stéphane Gottraux / da: it.wikipedia.org -


- Nino -
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2128 Posts

Posted - 10 January 2019 :  12:37:13  Show Profile  Reply with Quote
Vedo solo ora la tabella in francese che riporta la disposizione delle luci frontali del RAe TEE e sono rimasto colpito e incuriosito dalle luci verdi. Non sapevo che il treno ne fosse dotato. Sul regolamento svizzero non vi è traccia, nemmeno in passato, sebbene la tabella ne attribuisca l'uso anche in Svizzera. Quello italiano (oggi soppresso) riporta quanto:
Qualora una stazione non abbia potuto trasmettere a qualche posto di linea il dispaccio dell'effettuazione di un treno non ordinario (straordinario o supplementare) prescritto dal Regolamento per la Circolazione dei treni, si deve esporre in testa al treno stesso:
- di giorno: bandiera verde a destra;
- di notte: fanale destro proiettante luce verde.
A proiettare la luce gialla erano i due fari interni.
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2128 Posts

Posted - 10 January 2019 :  14:00:02  Show Profile  Reply with Quote


RAe TEE in doppia a Frasne il 14 aprile 1984 (Foto: SBB Historic)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2128 Posts

Posted - 10 January 2019 :  14:38:24  Show Profile  Reply with Quote


Sul RAe TEE erano ammessi anche i cani. Lo ricordo come un vero treno di lusso, ricordo le hostess che distribuivano i giornali, snack e rinfreschi, ricordo la morbidezza di marcia e la silenziosità, ricordo che non fermava al confine... (Foto: SBB Historic)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2128 Posts

Posted - 10 January 2019 :  16:26:49  Show Profile  Reply with Quote


Sul RAe TEE non erano ammessi viaggiatori in piedi. Biglietti e prenotazioni venivano fatti esibire e controllati dalle hostess prima di salire, come in aereo. (Foto: SBB Historic)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2128 Posts

Posted - 10 January 2019 :  18:13:39  Show Profile  Reply with Quote


Fasi di costruzione della carrozza motrice presso le officine SIG (Schweizerische Industrie Gesellschaft) di Sciaffusa nel 1959 (Foto: SBB Historic)

Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2128 Posts

Posted - 12 January 2019 :  18:11:40  Show Profile  Reply with Quote


Il RAe TEE a Zurigo nel 1971. Sullo sfondo anche una Ae 3/6I e in alto il famoso orologio Mondaine. (Foto: SBB Historic)
Go to Top of Page
Page: of 4 Previous Topic Topic Next Topic  
Previous Page | Next Page
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06