Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Argomenti ferroviari
 Altri argomenti ferroviari
 Cormons, 3 maggio 1921: Caro.....
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Previous Page
Author  Topic Next Topic
Page: of 3

Piero Chionna

Italy
7167 Posts

Posted - 11 March 2016 :  01:08:59  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Grazie Davide.
Siamo partiti dalla lettera spedita dal Sig. Stefano Iuretig di Villa Alimonda e indirizzata a mio nonno Attilio Chionna, falegname in San Vito dei Normanni.
Su questa lettera abbiamo poi costruito una sorta di sceneggiatura; di conseguenza, gran parte di ciò che abbiamo narrato e riprodotto in miniatura con le foto di Alberto Pedrini, è frutto della nostra immaginazione.

Quello che conta davvero è l'essenza del fatto: quella lettera spedita poco dopo la fine della Grande Guerra e gelosamente conservata dal destinatario fino all'estate del 1969.

Sarebbe bello rimettere i due protagonisti della storia fianco a fianco attraverso le rispettive foto di famiglia.
Resto in attesa di notizie.

Saluti cordiali,
Pier Attilio Chionna

Piero
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
7167 Posts

Posted - 12 March 2016 :  09:26:31  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Quando rientrò dal fronte Attilio ritornò a vivere con sua moglie Maria nella vecchia casa di via Aere, oggi via Vittorio Emanuele III.
Questa fotografia fu scattata proprio in via Aere durante il mercato del lunedì.
Siamo nei primi anni '20 ed è probabile che la lettera da Cormons fosse già arrivata a destinazione e si trovasse nella casa che io riesco a individuare in questa foto, in fondo a sinistra, a piano terra, poco dopo il balcone più lungo.



Bisogna pensare che in quegli anni l'Acquedotto Pugliese non aveva ancora raggiunto quelle terre che per la loro morfologia erano totalmente sprovviste di acque in superficie.
Niente acqua corrente, nessuna fontana pubblica, ma solo l'acqua benedetta che arrivava dal cielo e che veniva convogliata e conservata nelle cisterne scavate sotto le abitazioni.
La famosa "Galleria Pavoncelli", la galleria di valico dell'Appennino, da Caposele a Conza fu ultimata nell'anno 1914.
La sua lunghezza era di 12.750 metri e all'epoca era superata per lunghezza solo dalle gallerie del Frejus, del Gottardo e del Sempione.
Attraverso quella galleria nel 1915 l'acqua del Sele arrivò a Bari, ma ci vollero altri anni di lavoro prima di vedere l'acqua nelle altre zone.

Nel 1920/30 da queste parti si era ancora in quella che il poeta Orazio definì, prima della nascita di Cristo, la "Siticulosa Apulia".

L'acqua che iniziò a sgorgare dalla fontana che si trovava in fondo alla via fu un evento davvero memorabile.


Piero
Go to Top of Page

Carlo Rastelli

Italy
1664 Posts

Posted - 21 February 2018 :  04:32:13  Show Profile  Reply with Quote
Sinceri complimenti Piero, non avevo letto il post....racconto bellissimo, affascinante ed avvincente,un bel romanzo storico ben scritto e documentato....

Ciao!
Carlo
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
7167 Posts

Posted - 21 February 2018 :  07:23:17  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Grazie Carlo.

Piero
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
7167 Posts

Posted - 21 February 2018 :  18:04:47  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Desidero ringraziare il sig. Gabriele da Cormons che ci ha contattato per approfondire l'argomento.
La mia speranza è che finalmente si possa dare un volto anche al soldato Stefano.
Da parte mia pubblico una foto di mio nonno Attilio che fu probabilmente scattata a Napoli prima della partenza per il fronte.
Non sono un esperto, ma noto che sul cappello si vede il fregio che, correggetemi se sbaglio, dovrebbe essere quello del 32° Fanteria "Brigata Siena", come anche le mostrine sembrerebbero dimostrare:

http://www.frontedelpiave.info/public/modules/Fronte_del_Piave_article/Fronte_del_Piave_view_article.php?id_a=437&app_l2=397&app_l3=437&sito=Fronte-del-Piave&titolo=Brigata-Siena

Aggiungo questa nota storica che ci descrive l'impegno del 32° Fanteria Brigata Siena durante la Terza Battaglia dell'Isonzo quando gli venne assegnato il compito di impadronirsi della trincea nemica conosciuta come "Trincea delle Frasche".
Leggendo queste righe rieco a capire il silenzio del nonno e i suoi occhi lucidi ogni volta che gli chiedevo di raccontarmi qualcosa di quella guerra.

http://icadutidelcarso.blogspot.it/2016/09/soldato-volontario-bollini-carlo.html




Piero
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
7167 Posts

Posted - 09 July 2019 :  22:15:34  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Si aggiunge un piccolo tassello alla ricerca grazie a Gabriele che a Cormons ha individuato il luogo e la data di nascita del nostro Stefano che non nacque a Cormons, bensì a Rodda, un piccolo comune della Valle del Natisone.

Rodda fu comune autonomo fino al 1929 quando, fuso al comune di Tarcetta, diede vita all'attuale comune di Pulfero, località alle pendici del Matajur, in provincia di Udine.
Rodda è oggi una frazione di Pulfero composta dalle seguenti borgate, distanti anche alcuni chilometri l'una dall'altra: Bizonta/Bizonti, Brocchiana, Buttera/Butera, Clavora/Klavora, Cranzove/Kranjcove, Domenis/Domejža, Lacove/Lahove, Oriecuia/Oriehuje, Ossiach/Ošjak, Pocovaz/Pokovac, Scubina/Skubini, Sturam, Tumaz/Tuomac, Uodgnach/Uodnjak e Zeiaz/Zejci.
Queste borgate vengono generalmente suddivise nei gruppi di Rodda Alta e Rodda Bassa.

http://www.lintver.it/storia-vicendestoriche-ruonac.html

https://www.google.com/maps/place/33046+Pulfero+UD/@46.1769164,13.4940935,1634m/data=!3m1!1e3!4m5!3m4!1s0x477a4ffb9d54b161:0x411997554e632c8e!8m2!3d46.1741768!4d13.4819458

Grazie al paziente lavoro degli Archivi di Stato provinciali si sta sviluppando un archivio online che consente già oggi interessanti ricerche.
Sebbene manchi ancora l'indicizzazione capillare di nomi e cognomi, la conoscenza di data e luogo di nascita mi ha consentito di risalire facilmente agli atti di nascita del comune di Rodda.

http://www.antenati.san.beniculturali.it/

Ecco il documento che attesta la nascita di Stefano Natalino avvenuta a Rodda il giorno 19 dicembre 1888 (18 dicembre secondo altre informazioni reperite a Cormons).
Dagli archivi anagrafici di Cormons risulta anche confermata la professione di Falegname, ma si apprende anche che nel 1923 Stefano si trasferì a Mestre.
Da sua Moglie Gisella ebbe due figli e per certo si sa che uno dei suoi due nipoti vive a Mar del Plata in Argentina.



La ricerca continua ....





Piero
Go to Top of Page
Page: of 3  Topic Next Topic  
Previous Page
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06