Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Indice delle Pagine locomotive Scala H0
 Germania - Elettriche
 BR 120
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Next Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 2

Alberto Pedrini

Italy
10503 Posts

Posted - 30 October 2011 :  17:05:03  Show Profile  Visit Alberto Pedrini's Homepage  Reply with Quote
Per la scheda clicca sull'immagine sotto



Alberto

albertomocchi

Italy
2441 Posts

Posted - 30 October 2011 :  17:22:26  Show Profile  Reply with Quote
due foto del modello per i 175 anni cod.37542


poche funzioni ma ha le luci in cabina
ciao
Alberto
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2738 Posts

Posted - 17 February 2012 :  23:05:06  Show Profile  Reply with Quote
BR 120

Alla fine degli anni '70 la DB aveva a disposizione come macchine veloci solo le CC BR 103, che toccavano i 200 km/h. Si decise quindi di costruire una nuova locomotiva, ma con configurazione BB, poiché il parco delle linee principali doveva spesso accontentarsi delle BB E 110 e E 111, limitate a 150 e 160 km/h. Fu nel 1977 che prese il via il progetto per una nuova generazione di macchine BB.

Nel 1971 la Henschel, azienda produttrice di locomotive della Germania Federale, costruì tre locomotive diesel-elettriche da 2500 CV in collaborazione con la svizzera BBC (Brown, Boveri & Cie), che fornì i motori di trazione del tipo trifase asincrono alimentati con inverter (Henschel/BBC DE 2500). (Gli stessi equipaggiamenti furono installati nel 1983 sulle D 145 FS). Le DB acquistarono le locomotive e le misero in servizio come Baureihe 202. Nel 1974, visto il buon comportamento dei motori trifase, in una delle macchine fu tolto il motore diesel, sostituito con zavorra, e venne installato l'equipaggiamento elettrico per captare la tensione della linea aerea inviandola all'inverter, che potremmo definire un trasformatore elettronico in grado di variare tensione e frequenza. Da questa macchina sperimentale furono derivati cinque prototipi, classe 120, entrati in servizio tra il 1979 e il 1980 e collaudati in esercizio fino al 1985, anno di avvio della produzione in serie di 60 unità, immatricolate, a partire dalla consegna iniziata nel 1987 e terminata nel 1989, nella classe 120.1.

Grazie alle loro doti di velocità (200 Km/h), di potenza (5.600 kW) e al peso inferiore di 30 t rispetto alle BR 103, le 120 ottennero ben presto l'apprezzamento dei macchinisti nei servizi di trazione per passeggeri. Quste macchine eccellenti fecero la loro comparsa piuttosto tardi, dal momento che i primi convogli ICE entrarono in servizio quattro anni più tardi, conquistandosi un ruolo prioritario nell'ambito delle ferrovie tedesche.
Poiché le 120.1 sono locomotive di qualità, la DB ha assegnato loro principalmente servizi nobili, con numerosi IC e EC e treni interregionali sulle linee principali. Dal 1996 le BR 120.1 sono state progressivamente relegate in secondo piano, a causa della comparsa delle nuove BR 101, destinate a sostituire definitivamente le BR 103, macchine senza dubbio robuste, ma al limite delle possibilità dopo una trentina d'anni di lavoro. Nel giro di pochi anni, le 120 verranno progressivamente private di un gran numero di treni Intercity ed Eurocity.

A parte i prototipi, con livrea rosso/crema, tutte le 120.1 furono consegnate con il nuovo colore della DB, ovvero il rosso.



BR 120 005, Essen Nord 09/01/85. (Foto: Ulrich Budde)
Go to Top of Page

Pier Giorgio Ponzio

Italy
82 Posts

Posted - 23 December 2012 :  13:22:16  Show Profile  Reply with Quote
120 003 a Norimberga, febbraio 1982

foto P.G. Ponzio
Go to Top of Page

Pier Giorgio Ponzio

Italy
82 Posts

Posted - 23 December 2012 :  14:49:36  Show Profile  Reply with Quote
una 120 di serie, quasi nuova di fabbrica, fotografata a Norimberga nel maggio 1988

foto : Pier Giorgio Ponzio
Go to Top of Page

Enrico Ferrari

Italy
1521 Posts

Posted - 12 August 2013 :  21:06:47  Show Profile  Visit Enrico Ferrari's Homepage  Reply with Quote
È uscita in questi giorni la 120 001-3 della A.C.M.E. con cassa in metallo venduta anche in versione AC digitale con numero di catalogo 65360.
Il decoder montato è un Esu Lokpilot V4.0 M4 quindi compatibile mfx.
La scatola si presenta robusta e la locomotiva è bene fissata su di una base con una vite che si toglie da sotto il basamento con una chiave a brugola allegata nella confezione.









Due foto del modello appena tolto dalla scatola






In settimana foto e prova sul plastico.

Enrico
Go to Top of Page

Callioni Nicola

Italy
282 Posts

Posted - 13 August 2013 :  11:04:58  Show Profile  Reply with Quote
quote:
Originally posted by Enrico Ferrari

È uscita in questi giorni la 120 001-3 della A.C.M.E. con cassa in metallo venduta anche in versione AC digitale con numero di catalogo 65360.
Il decoder montato è un Esu Lokpilot V4.0 M4 quindi compatibile mfx.
La scatola si presenta robusta e la locomotiva è bene fissata su di una base con una vite che si toglie da sotto il basamento con una chiave a brugola allegata nella
In settimana foto e prova sul plastico.




Disponibile anche in altre versioni?

Nicola
Go to Top of Page

Luigi Ceffa

Italy
503 Posts

Posted - 13 August 2013 :  11:57:11  Show Profile  Reply with Quote
A.C.M.E. gioca nella tana del lupo...
Go to Top of Page

Enrico Ferrari

Italy
1521 Posts

Posted - 17 August 2013 :  17:53:29  Show Profile  Visit Enrico Ferrari's Homepage  Reply with Quote
A.C.M.E. DB 120 001-3

articolo n° 65360

Prima di passare alla prova vera e propria della macchina ecco ancora due foto sul plastico, nella seconda foto si può fare un confronto con il modello della Märklin, anche se non della stessa versione.





Come già detto la macchina viene proposta con un decoder mfx compatibile, quindi basta porla sui binari perché venga automaticamente riconosciuta. Fin qui tutto bene, purtroppo quando inizia a muoversi lo fa con un rumorino proveniente dal carrello posteriore che mi infastidisce. Così decido di aprirla per vedere quale sia la causa.
Ecco due foto dell'interno della locomotiva, per aprirla questa volte ci sono delle belle viti, niente da forzare se non due particolari del sottocassa, fissati a pressione, che nascondono due delle quattro viti.

Scheda luci con gli switch per il comando del terzo faro e luci cabina in modalità analogica



Scheda con il decoder ed i collegamenti a ruote, pattino e motore




Un impianto molto ordinato e funzionale, però la posizione degli switch non corrisponde a quella delle istruzioni. Per le luci delle cabine venivano indicati gli interruttori 3 e 4, mentre in realtà risulta necessario agire sul 2 e sul 4. Sempre secondo istruzioni per l'uso digitale devono essere tutti gli interruttori in posizione off, poi l'accensione e spegnimento può essere eseguita tramite le funzioni F1,F2 per il terzo faro e F4, F5 per l'illuminazione delle cabine. Io invece ho trovato gli switch 2 e 4 in posizione on e le cabine si illuminavano assieme alle luci e alla direzione di marcia. F4 e F5 risultavano invece dedicati alla marcia lenta ed alla esclusione della accelerazione-frenatura. Probabilmente basterà riprogrammare il decoder, ma per il momento ho lasciato perdere. Tutto ok per il terzo faro che può essere comandato tramite F1 ed F2, però l'accensione è indipendente dalla direzione di marcia, anche qui regolando opportunamente il decoder penso si risolverà il problema. Ritornando al motivo per cui ho aperto la locomotiva, ecco nella foto successiva il responsabile....

Sede per l'eventuale altoparlante




Si vede dalla foto che il pezzo da un lato è smussato per evitare di interferire con la testa dell'asse motore, mentre dall'altra perte no. Siccome l'asse motore ha ovviamente due giunti cardanici alle sue estremità è abbastanza ovvio che il rischio di interferenza c'è ed in effetti dalla foto si vedono i segni. Non avendo io montato il sound mi sono limitato a togliere il particolare in questione, poi lo ho limato opportunamente e messo da parte per un possibile futuro uso. Ora la locomotiva non ha più nessun problema come potete vedere nel seguente video di prova, la marcia è regolare su curve dal raggio 2 in poi (sul raggio 1 riesce a passare ma a fatica), per gli scambi stesso discorso, bene su tutti ad eccezione dello scambio in curva di raggio 1 dove ha un attimo di rallentamento.

http://www.youtube.com/watch?v=QIhLT1kLs2I

Enrico
Go to Top of Page

Enrico Ferrari

Italy
1521 Posts

Posted - 17 August 2013 :  18:02:01  Show Profile  Visit Enrico Ferrari's Homepage  Reply with Quote
quote:
Originally posted by Callioni Nicola

quote:
Originally posted by Enrico Ferrari

È uscita in questi giorni la 120 001-3 della A.C.M.E. con cassa in metallo venduta anche in versione AC digitale con numero di catalogo 65360.
Il decoder montato è un Esu Lokpilot V4.0 M4 quindi compatibile mfx.
La scatola si presenta robusta e la locomotiva è bene fissata su di una base con una vite che si toglie da sotto il basamento con una chiave a brugola allegata nella
In settimana foto e prova sul plastico.




Disponibile anche in altre versioni?




Sono previste tre diverse versioni, ognuna a sua volta proposta in tre varianti, CC analogica, AC digitale e CC sound-digital.
Per il momento è uscita solo questa, seguiranno una epoca IV in livrea Rosso Oriente ed una epoca VI per treni navetta Verkersrot

Enrico
Go to Top of Page

Mario Puleo

Italy
1194 Posts

Posted - 17 August 2013 :  19:04:48  Show Profile  Visit Mario Puleo's Homepage  Reply with Quote
Nel sito ESU ci sono i suoni per un loksound V4.0 per la 120.
Ha 21 funzioni, compreso stridio in curva, rumore di pantografi alzati/abbassati e combinazioni di fari avanzate.
Non so se é pensato per la macchina ACME, c'é anche una 120 LS Models in arrivo.

ciao
Mario

Mario
Go to Top of Page
Page: of 2 Previous Topic Topic Next Topic  
Next Page
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06