Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Indice delle Pagine locomotive Scala H0
 Italia
 Gr.940
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Author Previous Topic Topic Next Topic  

Nino Carbone

4921 Posts

Posted - 29 June 2014 :  23:17:03  Show Profile  Reply with Quote

Clicca sull'immagine per la scheda



Nino Carbone

4921 Posts

Posted - 29 June 2014 :  23:41:16  Show Profile  Reply with Quote

- Gr. 940 FS -





- Cenni di storia -

Le locomotive tender del Gruppo 940, realizzate in un'unica serie di 50 esemplari, furono costruite nel 1922 su progetto
dell'Ufficio Studi di Firenze per superare i problemi legati all'aumento del traffico lungo le dorsali appenniniche
ed in particolar modo sulla Roma-Pescara e Ancona-Orte, dove fino ad allora erano state impiegate macchine
del Gruppo 51-100 (2-2-0), anche in doppia trazione a causa dell'aumento del peso rimorchiato.


(Il Gruppo 51-100, costruito in 17 unitā tra il 1888 e il 1895 e consegnate alla "Rete Sicula", passarono successivamente nel 1906 alle FS)



- La locomotiva -

La Gr.940 era una locomotiva a scartamento universale, poggiante su un rodiggio 1'D1', formato da 4 assi accoppiati
e da un asse portante anteriore e uno posteriore.

La struttura della macchina era sostenuta posteriormente da un asse bissel, orientabile rispetto al telaio principale,
e, anteriormente, da un carrello di tipo italiano, comprendente l'asse portante anteriore e il primo asse accoppiato.

Al di sopra della caldaia, dotata di un sistema di surriscaldamento del vapore ad espansione semplice, č posizionato il rilievo
del duomo/sabbiera, a pianta circolare, mentre sulla parte anteriore si trova un fumaiolo semplice in corrispondenza
della camera fumo.

La cassa cilindrica a copertura della caldaia affiancata dai cassoni per il trasporto delle scorte d'acqua e di carbone, disponeva
di 2 cilindri esterni, alimentati per mezzo di un sistema di distribuzione Walschaert,analogamente alla Gr.740, dalla quale deriva.

Le Gr.940 sono direttamente derivate dalle Gr.740, dalle quali differiscono per la presenza dell'asse portante posteriore,
tipo Bissel, con rodiggio 1'D1'.

La verniciatura era di colore nero lucido, ad eccezione dei raggi delle ruote, del pancone dei respingenti, delle fiancate
del telaio e l'incavo delle bielle, verniciati di rosso, il bordino dei cerchioni era colorato di bianco.

Vennero costruite:

- 4 / OM di Milano (001>004) -
- 26 / Officine Meccaniche di Napoli (005>030) -
- 20 / Officine Meccaniche Italiane di Reggio Emilia / Reggiane (031>050) -


Dal punto di vista tecnico, si ottenne un incremento della potenza in salita mediante un aumento del peso aderente, ottenuto
caricando il peso dei cassoni di acqua e carbone sulle ruote motrici, nello stesso tempo, il peso assiale venne contenuto
con l'applicazione di un asse portante in coda.

Grazie a questo asse posteriore, di tipo bissel, in grado di ruotare rispetto al telaio principale, la locomotiva era in grado
di procedere alla stessa velocitā in entrambi i sensi di marcia, rendendo non necessario girare la locomotiva.

Velocitā massima di 65 km/h, mentre la massima potenza (720 kW), era erogata a 45 km/h.

Le scorte d'acqua, collocate nei 2 cassoni laterali, corrispondevano 10.000 litri, mentre quelle di carbone a 3.5 tonnellate.

(Alcuni esemplari ricevettero un rialzo della carbonaia che permise di aumentare la capacitā di carbone da 3.5 ton. a circa 5 ton.)

Fino dalle prime uscite, su linee dall'andamento piano-altimetrico difficile, per le quali erano state progettate,dimostrarono
la bontā dell'esecuzione, anche se qualche lamentela si aveva da parte dei macchinisti, che lamentavano la scarsa
aerazione della cabina dovuta alla sua chiusura posteriore.




- Foto da: Locomotive a vapore / Stefano Garzaro / Gribaudo -

Nel 1930, con l'elettrificazione della Roma-Sulmona a corrente alternata trifase a frequenza industriale (10 kW),
le Gr.940 furono spostate in altri compartimenti per l'utilizzo anche su linee pianeggianti.

Nel periodo della guerra 3 unitā rimasero danneggiate dai bombardamenti e furono demolite, dal momento
che il loro ripristino risultō poco conveniente.

Altre 4 rimasero in Jugoslavia dopo l'annessione dell'Istria.

Nel dopoguerra furono destinate a diverse linee secondarie, tra cui la Lucca-Aulla, Trento-Primolano,
Brescia-Bergamo-Lecco, Taormina-Randazzo, Cremona-Pavia e Como-Lecco.

Il loro utilizzo fu indifferente, sia per i convogli passeggeri che merci, considerate le velocitā dell'epoca.

Nel 1940 le Gr.940 furono replicate in 3 esemplari, costruite dalle OM di Milano, destinate alla linea in concessione
Biella-Santhiā, gestita dal SBF che nel proprio le classificō: 401>403.

Nel 1951, la linea, passata alle FS, incorporō le Gr.940 con classificazione: Gr.940 051>053.

Queste unitā differivano da quelle FS per la guida a destra e dalla targhe di classificazione della locomotiva
che erano collocate a sinistra rispetto alla porta di accesso della cabina.

La carriera delle Gr.940 si svolse senza grandi eventi, ma svolsero egregiamente sempre il loro servizio,
tanto da essere considerate, da tutti, le migliori locomotive tender italiane, anche in fatto di eleganza.

La bontā del progetto fu confermata dalla situazione agli inizi degli anni '70.

Appena prima della scomparsa della trazione a vapore sulle linee italiane, in servizio risultavano ancora 40 unitā.

Terminarono il loro servizio presso il Deposito Locomotive di Lecco e Sulmona in testa a convogli merci.

Considerata la loro versatilitā, alcune unitā furono destinate a manovre pesanti o tenute di riserva,
nel 1983 risultavano attive ancora 18 macchine.




Conclusione

Le Gr.940 rappresentarono ottimamente la categoria delle loco-tender, anche se presso le FS questa categoria
ha sempre rivestito un aspetto marginale.




- Dati tecnici -



- Anni: 1922/1924 -
- Rodiggio: 1-4-1 (1'D 1') -
- Lunghezza: 13.178 mm -
- Velocitā massima: 65 km/h -
- Meccanismo: Cilindri esterni -
- Distribuzione Walschaerts -
- Potenza: 720 kW (980 CV) a 45 km/h -
- Diametro ruote motrici: 1.370 mm -
- Peso servizio: 87.3 ton -
- Capacitā acqua: 10 m3 -
- Capacitā carbone: 3.5 ton / 5 ton -

- Unitā costruite: 50 + 3 -

- Numerazione: Gr.940 001>050 + 051>053 -




- Immagini -

- La Gr.940.019 al traino di un merci Mantova-Verona - 8 giugno 1974 -



- Foto Alessandro Muratori / da: Mondo Ferroviario 32 -



La Gr.940.022 in manovra alla stazione di Trento - 5 ottobre 1986 -
(Con carbonaia rialzata)



- Foto Roberto Cocchi / da: Mondo Ferroviatrio 32 -



- Museali -

- Gr.940.001 - Museo della Scienza e della Tecnica di Milano -
- Gr.940.002 - Monumentata il Piazza al Serchio (LU) -
- Gr.940.006 - Deposito Fabriano -
- Gr.940.014 - Officine G.R. Voghera -
- Gr.940.022 - Mestre soci AVTS -
- Gr.940.030 - Monumentata presso le Officine G.R. Torino -
- Gr.940.041 - Museo FERALP Team Bussoleno -
- Gr.940.044 - Deposito Sulmona -
- Gr.940.047 - Stazione Casarsa (PN) -

(E' stata utilizzata nel film "La vita č bella")
- Gr.940.050 - Museo Nazionale Trasporti La Spezia -
- Gr.940.036 - Museo Nazionale dei Trsporti La Spezia -

(In officina)

(Dati da: it.wikipedia.org)



- Gr.940.030 - Monumentata presso le Officine Grandi Riparazioni Torino -



- Foto Andrea444r / da: itwikipedia.org -



- Gr.940.002 - Monumentata in Piazza al Serchio (LU) -



- Foto MPW 57 / da: it.wikipedia.org -



- Modello Top-Train -



- Foto da: top-train.it -



- Modello Rivarossi -



- Foto da: rivarossi-memory.it -



- Foto copertina G.Ganzerla / da: Mondo Ferroviario 197 / Gr.940.022 il 26 settembre 1983 presso le OGR di Verona -
- Schema da: Mondo Ferroviario 197 -
- Fonti: Mauro Bicchierai / Mondo Ferroviario 197 -
- it.wikipedia.org -
- museoscienza.org -

- Nino -
Go to Top of Page

Nino Carbone

4921 Posts

Posted - 10 July 2014 :  12:35:01  Show Profile  Reply with Quote


- Gr.940.041 con convoglio di carri tramoggia a Pergine Valsugana il 7 dicembre 1972 -



- Foto F.Pozzato / da: iTreni oggi 71 -


- Nino -
Go to Top of Page

Nino Carbone

4921 Posts

Posted - 18 July 2014 :  12:08:27  Show Profile  Reply with Quote


- Gr.940.041 con treno merci in sosta a Villazzano per Strigno, linea della Valsugana -
(Dietro la locomotiva 2 carri DB / 4619 Märklin con tetto scorrevole)



- Foto G.Antonello / da: iTreni oggi 147 -


- Nino -
Go to Top of Page

Nino Carbone

4921 Posts

Posted - 28 February 2016 :  14:00:01  Show Profile  Reply with Quote


- Gr.940.015 -
(Deposito Locomotive Verona / 27 marzo 1977)

Clic foto



- Foto Bruno Cividini / da: lnx.informatica80.it -


- Nino -
Go to Top of Page

Nino Carbone

4921 Posts

Posted - 30 September 2016 :  12:03:43  Show Profile  Reply with Quote


- Gr.940.020 -
(Pisa / 1 maggio 1975)

Clic foto



- Foto Bruno Cividini / da: lnx.informatica80.it -


- Nino -
Go to Top of Page

Alberto Pedrini

Italy
10337 Posts

Posted - 09 August 2017 :  21:53:06  Show Profile  Visit Alberto Pedrini's Homepage  Reply with Quote
Pubblicata la scheda oggi



Adesso preparo le note per la conversione

Alberto
Go to Top of Page

Alberto Pedrini

Italy
10337 Posts

Posted - 09 August 2017 :  22:20:01  Show Profile  Visit Alberto Pedrini's Homepage  Reply with Quote
Dunque, partiamo dall'installazione del pattino, molto facile.
Si deve usare un Brawa dopo avere spianato con il dremel le due sporgenze laterali della basetta.
Sul fondo della loco si taglia una traversa centrale dei tiranti ceppi freni. Sotto questa c'č una vite perfetta per l'installazione.
Si infila quindi la basetta del pattino ristretto sotto le tiranterie e si avvita.



Per il passaggio dei cavi e l'installazione del decoder bisogna aprire la loco. Le istruzioni allegate sono errate per la parte posteriore.
Avanti ok, sono cinque viti, dietro sono le due a croce che si vedono senza smontare nulla.
Quindi per il filo del pattino ho sfruttato uno dei due fori presenti sotto al carrello posteriore



Il filo rosso che ci passava prima l'ho saldato direttamente all'altro contatto



Poi si saldano come sempre tutti i fili delle ruote a un polo della basetta e il filo del pattino all'altro.



Note:
Nel togliere il mantello della loco attenti al tubo (filo metallico) presente nella parte anteriore a sinistra, accompagnatelo con cura, e fate lo stesso al rimontaggio.
Gli aggiuntivi, gancio e tubi, hanno avuto bisogno di colla, mentre i mancorrenti... auguri... rifare i fori da 0,4 + goccia di ciano per tenerli fermi e tazza di camomilla a supporto.
Il vomere, presente in questa versione, si puō mettere o meno, si fissa con un clic sopra tutto, buona idea.
Buona conversione

Alberto
Go to Top of Page

Nino Carbone

4921 Posts

Posted - 23 April 2019 :  11:53:07  Show Profile  Reply with Quote




- Foto Leonardo Carnesecchi / da: ferrovie.it -


- Nino -
Go to Top of Page
  Previous Topic Topic Next Topic  
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06