Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Indice delle Pagine locomotive Scala H0
 Svizzera - Elettriche
 Ae 8/14
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Next Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 3

Gian Michele Sambonet

Italy
2422 Posts

Posted - 26 February 2010 :  14:45:23  Show Profile  Reply with Quote
Per vedere la scheda tecnica della Ae 8/14, clicca sull'immagine accanto.

Gian Michele Sambonet

Italy
2422 Posts

Posted - 26 February 2010 :  14:46:20  Show Profile  Reply with Quote
La Ae 8/14 era una macchina fuori dal comune per quanto concerne la potenza e il peso.
L'ultima versione entrata in servizio nel '40 era infatti la locomotiva più potente del mondo in quell'epoca e, una volta tanto, non era americana. Con 16 motori e ben 8400 KW nominali, riusciva a trainare in salita treni da 770 tonnellate!

Alla fine degli anni '20 il problema per le FFS era di avere più potenza per far fronte al traffico sul Gottardo. Trasportare carichi pesanti lungo salite ripide richiedeva alla ferrovia un aumento di potenza considerevole rispetto alla circolazione su linee piane, prive di salite e di discese. Infatti, in orizzontale, l'esigenza di potenza è limitata, considerando che la resistenza all'avanzamento delle ruote di un treno è molto bassa. Tuttavia, di fronte anche a piccole salite, il peso si fa immediatamente sentire. Analogamente, l'aumento del peso dei treni, benché non ponga problemi di trazione in orizzontale, sulle linee di montagna implica la necessità di notevoli incrementi di potenza delle locomotive.

Negli anni '20 le salite del 26 per mille sul Gottardo erano percorse da treni merci di 750 t, con Coccodrilli in doppia trazione che circolavano a 40 km/h. Le ferrovie svizzere dovevano ridimensionare ulteriormente le loro locomotive elettriche per far fronte a carichi maggiori da trainare a velocità superiori.
La risposta fu la locomotiva doppia. Le risorse tecniche dell'epoca avevano raggiunto il loro limite in materia di dimensionamento e potenza delle locomotive. L'unica soluzione era quella di raddoppiare le locomotive, così nel 1931, dall'accoppiamento di due Ae 4/7, fece la sua comparsa un'immensa macchina lunga 34 m, la cui disposizione degli assi corrispondeva, in un certo senso, a un susseguirsi alternato di ruote motrici e portanti. Grazie a un dispositivo pneumatico le ruote portanti potevano appoggiarsi con carico variabile sulle rotaie e appesantire più o meno gli assi motori. Questa locomotiva con rodiggio 1B1B1+1B1B1 era dotata di 8 motori che sviluppavano una potenza effettiva pari a 5408 KW.

Un secondo prototipo con 12 motori (3 ogni 2 assi), che sviluppavano 6070 KW effettivi, venne costruito nello stesso periodo.
Infine, nel 1940 fu messo in servizio un terzo prototipo con 16 motori capaci di fornire 8170 KW effettivi, ovvero 11100 CV! Sulle salite del 26 per mille questa locomotiva riusciva a trainare treni di 770 t a 70 km/h. Senza parlare delle 2000 t trainate in orizzontale a 60 km/h e ai treni passeggeri di oltre 1000 t trainati a 110 km/h sempre in orizzontale.

Malgrado le eccezionali prestazioni e il comportamento irreprensibile, queste macchine rimasero tuttavia senza discendenza. Si scoprì infatti che era più comodo disporre di 2 o 3 locomotive semplici, da associare in funzione delle necessità, piuttosto che avere un'unica locomotiva la cui potenza, talvolta, non veniva neanche sfruttata appieno. Gli ingegneri si orientarono nuovamente verso la locomotiva classica semplice, equipaggiata però di sistemi di comando multiplo che consentivano la duplice o triplice trazione con due o tre locomotive in testa al treno, a seconda delle esigenze.



La Ae 8/14 11801, il primo prototipo costruito da SLM e BBC che adottava trasmissione Büchli, è ora conservato a Erstfeld e fa parte del parco locomotive storiche delle SBB. (Foto: Philippe Chappuis)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2422 Posts

Posted - 27 February 2010 :  09:35:38  Show Profile  Reply with Quote
La Ae 8/14 11851 costruita da SLM, con motori e apparati elettrici MFO nel 1932, era molto simile nell'aspetto alla precedente. Questo prototipo però adottava in via sperimentale un nuovo tipo di trasmissione denominato "Trasmissione Universale SLM", evoluzione del tipo adottato dalla SAAS negli anni '20, che tuttavia fino ad allora aveva dato scarsi risultati in montagna.
Nel 1961, a seguito di un incidente, questa macchina ricevette nuove cabine di guida e frontali dalla Ae 6/6 allora in produzione, come si può notare in questa immagine scattata nella stazione di Goschenen nel '65. Di questa locomotiva non è rimasto nulla, ritirata dal servizio e smantellata nel 1977. (Foto: Brian Stephenson)

Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2422 Posts

Posted - 27 February 2010 :  10:36:29  Show Profile  Reply with Quote
La Ae 8/14 11852 fu presentata in occasione dell'Esposizione Nazionale di Zurigo del '39 e soprannominata "Landi-Lok" in riferimento al nome della manifestazione: Landi 39, Schweizerische Landesausstellung Zürich. Era la più potente locomotiva mai costruita al mondo e nell'aspetto presentava linee aerodinamiche molto innovative, differenti dalle precedenti, sebbene lo schema costruttivo fosse lo stesso. Per la colorazione usarono un verde chiaro, adottato poi in via sperimentale anche su altre macchine.
Per il suo primato rimase l'orgoglio nazionale svizzero per molti anni.
Costruita da SLM e MFO, adottava la Trasmissione Universale SLM, migliorata grazie alla sperimentazione effettuata sul prototipo precedente. Questa trasmissione sarà adottata ancora sulle ultime locomotive svizzere a passo rigido, le Ae 4/6 costruite dal '41 al '45 e dirette discendenti della Landi-Lok.
In realtà questa macchina mostruosa diede un sacco di problemi. I Motori surriscaldavano facilmente e la potenza effettiva iniziale di 12000 CV fu ridotta a 11100 CV. Nonostante questa riduzione, in accelerazione spaccava gli agganciamenti. I macchinisti lamentavano un rumore assordante in cabina, accompagnato da fortissime vibrazioni, inoltre sostenevano che il comportamento e l'assetto non fosse dei migliori e questo valeva anche per le sue consorelle, le Ae 4/6.
Negli anni '60 ricevette la livrea verde scuro, ma a seguito di un incendio avvenuto nel '72 si decise che la riparazione non valeva la spesa e fu accantonata. Nel 1984 fu riverniciata a nuovo nella livrea originale e ora è esposta al Museo dei Trasporti di Lucerna. (Foto: Andrew Bossi)

Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2422 Posts

Posted - 27 February 2010 :  11:01:46  Show Profile  Reply with Quote
Il primo prototipo, il meno potente, nel tempo si dimostrò il migliore e anche la sua trasmissione la più affidabile. La trasmissione Büchli era montata anche sulla sua progenitrice, la Ae 4/7 che fu la più longeva, nella storia delle locomotive elettriche svizzere, con 70 anni di servizio.
In questa rara foto a colori del 1958, vediamo la Ae 8/14 11801 nella stazione di Chiasso con la livrea verde chiaro adottata negli anni '50. (Foto: Peter Wilen)

Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
7312 Posts

Posted - 24 May 2010 :  00:34:29  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Airolo:



Piero

Piero
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2422 Posts

Posted - 18 September 2011 :  08:19:04  Show Profile  Reply with Quote


La Ae 8/14 11852 è stata fin dall'inizio una leggenda: come la "locomotiva più potente del mondo", il fiore all'occhiello dell'esposizione nazionale svizzera di Zurigo del 1939, per la quale era stata costruita appositamente. (Locandina MFO del 1939)
Go to Top of Page

Alberto Pedrini

Italy
10381 Posts

Posted - 16 August 2012 :  21:47:08  Show Profile  Visit Alberto Pedrini's Homepage  Reply with Quote
Aggiornata la scheda con le immagini della 37591


Alberto
Go to Top of Page

Alberto Pedrini

Italy
10381 Posts

Posted - 23 May 2013 :  09:36:49  Show Profile  Visit Alberto Pedrini's Homepage  Reply with Quote
Grazie al nostro anonimo socio MP ho avuto la possibilità di fotografare la 8/14 in livrea marrone.
Date le voci contrastanti sarebbe interessante approfondire con una documentazione certificata se la locomotiva abbia avuto o meno questa colorazione durante la sua carriera.
Qualcuno ha notizie in merito?


Alberto
Go to Top of Page

Luigi Ceffa

Italy
503 Posts

Posted - 23 May 2013 :  19:24:03  Show Profile  Reply with Quote
Difficile approfondire più di quanto fatto nei post precedenti di questa discussione.
I tre prototipi (11801, 11851, 11852) sono descritti e documentati come si conviene (in un Forum di alto livello), certo non sarebbe sfuggito se uno dei tre fosse stata marrone.
Da marklin-users apprendo che è stata una iniziativa di Maerklin CH, che numero porta sul mantello questa imprevista sorellina?
Go to Top of Page

Alberto Pedrini

Italy
10381 Posts

Posted - 23 May 2013 :  22:05:13  Show Profile  Visit Alberto Pedrini's Homepage  Reply with Quote
Il numero è sempre lo stesso, come ho scritto nella pagina delle loco sopra ogni modello. Del resto la macchina era una sola.
Circa il colore ho trovato questo appunto di Michele sui coccodrilli che conferma, dato l'anno di costruzione della Ae 8/14, che marrone non è mai esistita.

quote:
Originally posted by Gian Michele Sambonet

Incertezze sulle datazioni:
Non so esattamente quando le FFS cominciarono a riverniciare di verde il proprio parco macchine eletriche che era nato marrone. Esiste una controversia in proposito. Questo perché fino al '35 nei documenti ufficiali nell'Archivio Storico delle FFS non esiste nessun riferimento al cambiamento di colore delle locomotive. Ma altri documenti provano che le ultime Ae 3/6I consegnate nel '27 erano marroni, mentre le nuove Ae 4/7 dello stesso anno erano verdi, sin dalla consegna della prima macchina. Un unico documento in proposito è del '28 e annulla la decisione (presa quando?) di riverniciare di verde tutti i veicoli elettrici se non quelli di nuova costruzione o quelli che hanno richiesto un mantello nuovo per gravi motivi. La Ae 3/6I 10686 (ultima ad essere consegnata nel '27) rimase marrone fino al 1959.


Alberto
Go to Top of Page
Page: of 3 Previous Topic Topic Next Topic  
Next Page
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06