Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Argomenti tecnici di modellismo
 Realizzare il plastico
 Idea per un plastico
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Previous Page | Next Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 11

Nino Carbone

4510 Posts

Posted - 17 June 2013 :  12:28:23  Show Profile  Reply with Quote


- Progetto particolarmente adatto ai modellisti desiderosi di avere presto un'impianto funzionante
e "ampliabile in seguito" -

- Le tre fasi costruttive sono per uno sviluppo successivo che non richieda la demolizione del lavoro
precedentemente fatto -



- Prima fase: anello di binari con piccola stazione, essendo tutto piano non sono richiesti lavori di sopraelevazione -





- Seconda fase: aggiunta di una stazione sopraelevata creando una circolazione da punto a punto -





- Terza fase: Prolungando la tratta della stazione sopraelevata e ampliando il supporto - conferendo una forma a "L" -
si ottiene il superamento dello scalo merci, previsto anch'esso nella terza fase -



- Da: Il manuale completo dei tracciati / Paolo Beverini - Angelo Parodi / Mursia 1982 -


- Nino -
Go to Top of Page

Nino Carbone

4510 Posts

Posted - 30 June 2013 :  10:19:22  Show Profile  Reply with Quote


- Concetto di plastico precedentemente pubblicato a pagina 2 -

- Tracciato del tipo da racchetta a racchetta -

- Rispetto al classico schema a ovale i treni transitano sullo stesso binario all'andata e al ritorno con un percorso
più vario, avvicinandosi al tipo di circolazione di una linea punto a punto -



- Da: Il manuale completo dei tracciati / Paolo Beverini - Angelo Parodi / Mursia 1982 -


- Nino -
Go to Top of Page

Nino Carbone

4510 Posts

Posted - 20 July 2013 :  11:52:09  Show Profile  Reply with Quote


- Plastico Märklin binario K -

- Dimensioni: 430x290/185 -





- Da: Märklin HO Gleisanlagen (0700) -


- Nino -
Go to Top of Page

Nino Carbone

4510 Posts

Posted - 07 August 2013 :  12:02:57  Show Profile  Reply with Quote


- Plastico Märklin dell'Association Eurorail Strasburgo -



- Foto da: association-eurorail.fr -

- Link correlato: http://www.youtube.com/watch?v=ByBuRlzHKp8&list=PLd7B1aAQWJwr8KNnDTaQz7OOToVv0qXBD&index=2


- Nino -
Go to Top of Page

Nino Carbone

4510 Posts

Posted - 25 August 2013 :  10:36:57  Show Profile  Reply with Quote

- La "doppia" stazione di Rovasenda (Vercelli) -

- Rovasenda si trova sia sul tracciato della Biella-Novara sia su quello della Santhià-Borgomanero.
(Questa linea è stata abbandonata dal giugno 2012).

- Il motivo di questa "doppia stazione" fu dovuto al fatto che le linee vennero costruite in periodi diversi
con due linee indipendenti, stazioni a livelli differenti e collegate da un raccordo indiretto.
(I veicoli non possono transitare da una linea all'altra se non effettuando manovre in retromarcia) -

- La Santhià-Borgomanero (km. 48.421 a binario unico non elettrificata) venne inaugurata il 16 gennaio 1905 -

- La Biella-Novara a binario unico (km. 50.760), nacque invece come ferrovia concessa all'iniziativa privata
(Ferrovie Elettriche Biella Novara - in realtà mai elettrificata), venne inaugurata il 13 maggio 1939,
e diventò operativa dal 20 luglio 1940 -

- Nel 1951 lo Stato revocò la concessione e prese in gestione diretta la linea come F.S. -

- Questi fatti storici spiegherebbero i due fabbricati viaggiatori, i due magazzeni e il raccordo indiretto di tipo industriale -



- Realtà -





- Planimetria semplificata H0 -







- Planimetria di plastico realistico in scala "N" -
- Valida però per tutte le scale con schematizzazione del paesaggio circostante -





- Descrizione e schemi a cura di Claudio Vianini e Lorenzo Vittor / da: fermodel news n. 34 luglio-agosto 1986 -
- Nino -
Go to Top of Page

Andrea Coccioni

136 Posts

Posted - 25 August 2013 :  14:47:33  Show Profile  Reply with Quote
Un'altra interpretazione fermodellistica di Rovasenda, piuttosto fedele all'originale, è presente su Tuttotreno Modellismo n° 50, del giugno 2012.

Ciao
Andrea
Go to Top of Page

Nino Carbone

4510 Posts

Posted - 25 August 2013 :  14:53:10  Show Profile  Reply with Quote

- Ciao Andrea, purtroppo non dispongo del numero cui ti riferisci -
- Potresti pubblicare lo schema? Sarà sicuramente interessante -
- Grazie, Nino -

Go to Top of Page

Andrea Coccioni

136 Posts

Posted - 25 August 2013 :  15:00:04  Show Profile  Reply with Quote
Ahimè no, non posso indicare lo schema, perché non dispongo di uno scanner. Se ben ricordo (sono al lavoro e non ho sottomano la suddetta rivista) il plastico proposto è del tipo ad anello, a correre sulle pareti di una stanza; una delle pareti ospita la riproduzione della doppia stazione, le due pareti laterali sono tratti di piena linea e la quarta parete ospita una stazione fantasma per alimentare le due linee afferenti a Rovasenda con convogli diversi.
La rivista, essendo molto recente, è facilmente reperibile come arretrato. Qui si può vedere un'immagine della copertina: http://forum.duegieditrice.it/download/file.php?id=23047&sid=39937fdcd3d27503c7b6abe82eb25275 . In quel numero ci sono anche altri articoli decisamente interessanti.


Ciao
Andrea
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
7160 Posts

Posted - 01 November 2013 :  16:10:10  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Liguria: Saluti da Finalpia!

http://www.datrains.eu/2011/11/plastico-litoranea-ligure/



Piero

Piero
Go to Top of Page

Nino Carbone

4510 Posts

Posted - 20 December 2013 :  11:25:32  Show Profile  Reply with Quote

- Il plastico della zona del Ponte di Remagen (Ludendorff Brücke) -
(Renania-Palatinato)
- Cenni di storia -



Sul terreno antistante il lato sud della stazione di Remagen, si riconoscono ancora oggi i resti
dei terrapieni su cui una volta transitava la linea principale di collegamento tra le due sponde
del Reno, che proseguiva poi fino alla ferrovia dell'Ahrtal, costruita nel 1880.

Il raccordo abbandonava la riva destra del fiume all'altezza della località di Erpel, curvando
repentinamente sotto il monte e, attravensando il leggendario ponte di Remagen, arrivava
a congiungersi, al di qua del fiume, con il tratto Blankenheim-Trier (Treviri), che piegava verso l'Ahrtal.

I binari di collegamento con la linea principale della sponda sinistra correvano sul ponte a 3 arcate
(Ponte di Remagen/ Ludendorff Brücke), e l'intera struttura aveva finalità soprattutto strategiche.

(Lunghezza 325 mt. / Altezza sopra il livello dell'acqua 14.8 mt. / Altezza arco centrale 29.25 mt.)

Tra le opere d'arte della zona, la più significativa era indubbiamente questo grande ponte sul Reno,
che negli ultimi mesi della Seconda Guerra Mondiale - 7 marzo 1945 - passò apparentemente intatto,
nelle mani degli Alleati.


- Truppe americane attraversano il Ponte di Remagen -



- Foto Bundesarchiv Bild 17 / da: upload.wikimedia.org -



- Foto da: ww2incolor.com -

- Truppe americane stazionano nella galleria l'11 marzo 1945 -



- Foto da: en.wikipedia.org -

Un commando tedesco riuscì infatti solo ad avviare l'esplosione del ponte senza farlo crollare,
presumibilmente perchè venne utilizzata una carica troppo debole.

Ma le spalle e le strutture del ponte furono danneggiate a tal punto che, il 17 marzo 1945, 10 giorni dopo
la conquista, per le forti sollecitazioni dovute al passaggio di mezzi corazzati, il ponte crollò nel Reno.

- Danni strutturali - Marzo 1945 -




- Foto da: de.wikipedia.org -

- Il crollo - 17 marzo 1945 -



- Foto da: de.wikipedia.org -

Ancora oggi risulta chiara l'importanza strategica di questo ponte, quale punto di congiunzione
tra le 2 linee principali e quelle più occidentali.

Furono questi molteplici incroci ferroviari a fare della zona di Remagen, a suo tempo,
un importante nodo di comunicazione, ma la distruzione del ponte e la successiva
deviazione del traffico, fece diventare supelfluo questo svincolo, che venne smantellato.




- Foto da: file2.npage.de -



- Foto Thoma / da: de.wikipedia.org -



- Foto da: bruecke-remagen.de -

- Link correlato: http://7grad.org/Exkursionen/Irgendwo/Remagen/remagen.html -



- Il plastico -



- Bozzetto da: Mondo Ferroviario 3 -

La lunghezza dei binari principali non è tuttavia riportabile in scala, ma deve essere adeguata
allo spazio e alla pendenza delle rampe.


Anche il corso del fiume deve risultare realistico all'occhio dell'osservatore; è opportuno ridurre
man mano la larghezza dello stesso che scorre verso lo sfondo per simulare la giusta profondità ottica.




- Piantina da: Mondo Ferroviario 3 -

- Particolare del nodo ferroviario -



- Particolare del bozzetto: da Mondo Ferroviario 3 -

Il traffico stesso deve scorrere in modo tale da dare l'impressione che dai singoli tracciati ferroviari
dipartano realmente dei treni diretti verso altri tratti del percorso e questa è praticamente
l'intenzione conferita dalla piantina.

Sull'altra sponda del fiume è stata prevista la costruzione di una stazione di sorpasso a 4 binari.

Eventualmente per chi volesse aumentare il numero dei convogli già composti sarebbe opportuno
realizzare uno scalo nascosto dietro il monte sullo sfondo.

Gli scambi, posti appena dentro l'ingresso del tunnel (a sinistra), sono stati installati appositamente
a tale distanza per evitare difficoltà all'incrocio dei tratti ferroviari.

Ciò vale di più per il settore destro, tutto in galleria.

Utile nella visione generale che l'altezza delle gallerie si mantenga nei limiti, dal momento
che sul plastico circolano solo locomotive a vapore e diesel.

L'attrazione principale dell'intero plastico è il "grande ponte" che meriterebbe una costruzione molto dettagliata.




- Foto da: rheinweinbruderschaft.de -



- Particolare del bozzetto: da Mondo Ferroviario 3 -

La grossa fabbrica è stata provvista di un binario di raccordo per rendere più valide le operazioni di smistamento.



- Particolare del bozzetto: da Mondo Ferroviario 3 -

Il tratto destro della linea (in basso nello schema), è stato realizzato a forma di "S" per dare l'illusione
che il percorso cambi direzione, deviando verso un'altro lato della valle.




- Bozzetto: da Mondo Ferroviario 3 -



- Foto copertina da: liberation.trilogy.com -
- Foto e fonte: Da un articolo di Mondo Ferroviario 3 -
- Nino -

Go to Top of Page
Page: of 11 Previous Topic Topic Next Topic  
Previous Page | Next Page
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06