Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Argomenti ferroviari
 Composizioni internazionali
 I treni degli emigranti
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Previous Page | Next Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 13

Piero Chionna

Italy
8157 Posts

Posted - 24 May 2016 :  07:51:39  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Ciao Silvano, ti ringrazio per l'apprezzamento.

Piero
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
8157 Posts

Posted - 10 July 2016 :  09:28:33  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Lettura consigliata di due recenti articoli pubblicati su "La Stampa".

"Eravamo tutti meridionali"

http://www.lastampa.it/2016/07/10/speciali/150-anni/eravamo-tutti-meridionali-la-migrazione-sui-treni-del-sole-LQgU4hJ7FYOKNUsx9cUlEK/pagina.html


"Posta Nord-Sud, il salotto dei nuovi torinesi"
Il capocronista Ferrucio Borio aprì una versione speciale di Specchio dei tempi

http://www.lastampa.it/2016/07/10/speciali/150-anni/posta-nordsud-il-salotto-dei-nuovi-torinesi-fojY37V6qaopY3s31oMy3N/pagina.html


Un altro articolo pubblicato nel 2013.
"L’onda che mezzo secolo fa cambiò per sempre l’Italia"

http://www.lastampa.it/2013/12/08/italia/cronache/londa-che-mezzo-secolo-fa-cambi-per-sempre-litalia-aN6vLiADMt58lb4ztmr0KL/pagina.html

Piero
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
8157 Posts

Posted - 18 March 2017 :  11:50:14  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
"23 Juli 1982: 2 Gastarbeiterzüge Deutschland - Italien bei Bonn mit z.T. alten FS- bzw. DB-Wagen"

https://www.youtube.com/watch?v=o0EPTweBVG0


"14 Juli 1984: Gastarbeiterzug Deutschland - Italien mit alten und neuen FS-Wagen in Arth-Goldau"

https://www.youtube.com/watch?v=r-2AwQaDbv0

Piero
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
8157 Posts

Posted - 01 April 2017 :  19:05:43  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Da Foggia Città Aperta

"La Befana, quando portava via le feste e... i nostri emigranti"
di Salvatore Agostino Aiezza

http://www.foggiacittaaperta.it/news/read/la-befana-a-foggia-viaggi-emigranti-verso-nord-articolo-aiezza

Piero
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
8157 Posts

Posted - 02 November 2017 :  18:33:12  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
"Wolfsburg, italienische VW Gastarbeiter auf dem Bahnhof
Wolfsburg Bahnhof. Italienische VW Gastarbeiter fahren in den Weihnachtsurlaub nach Italien. Hier 1972."
(Photo by Rust/ullstein bild via Getty Images)


Wolfsburg, 1972: famiglie dei lavoratori italiani della Volkswagen alla stazione di Wolfsburg in occasione delle feste di Natale.
Direi che si tratta di un rientro dall'Italia.


http://media.gettyimages.com/photos/wolfsburg-bahnhof-italienische-vw-gastarbeiter-fahren-in-den-nach-picture-id645727881

Piero
Go to Top of Page

Silvano Del Rio

Canada
50 Posts

Posted - 02 November 2017 :  19:18:05  Show Profile  Reply with Quote
Bellissima foto. Grazie, Piero, di averla messa sul forum.

Sbagliando s'impara e la pratica vale piu' della grammatica.
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
8157 Posts

Posted - 28 December 2017 :  16:21:44  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Dedicato a tutti quelli che sono partiti ma hanno avuto il coraggio di ritornare.

Dal gruppo FB "Inchiostro di Puglia" il racconto di Tiziana Fusillo

<<Non ci siamo mai conosciuti. Di te ho solo qualche foto. In una sei nell'orto, con la zappa sulla spalla e un secchio d'acqua appena tirato fuori dal pozzo. Sorridi, e penso a quanto ti somiglia tuo figlio, mio padre, che quasi ogni giorno sembra mettere in scena quella foto ripetendo i tuoi gesti, cocciuto e mai stanco.

Poi c'è un'altra foto che amo molto, in cui sei tra i rami di un ulivo su una scala lunghissima puntata verso il cielo. Forse non ci siamo mai incontrati perché un giorno hai deciso di salirla tutta quella scala e di sparire in un ulivo.
L'ulivo è ancora qui e il vento scuote la sua maestosità secolare.
Quest'anno l'olio è davvero buono. Siamo sempre gli ultimi a raccogliere le olive o a vendemmiare, perché tuo figlio rispetta i tempi del passato, quando c'eri tu e forse un clima meno folle e capriccioso.
Raccogliere le olive mentre ti si gelano le mani non è il massimo, cominci a pensare di essere una poveretta, ma dopo qualche mese ti nutri di pane e oro.

Sarai contento di sapere che tuo figlio a ottantadue anni continua a salire sugli alberi, principalmente per due motivi: perché “è bello, si è più vicini al cielo”, e per potarli come gli hai insegnato tu, quando te lo portavi appresso poco più che ragazzetto per dargli un mestiere.

Dopo che hai deciso di salire la scala verso il cielo, quel ragazzetto, ormai uomo, è andato in Germania. Lo so, tu eri contrario, ma qui non c'era lavoro... Ma devi sapere che per otto anni ha pensato alla campagna, agli alberi, da curare e da piantare, e al piccolo trullo che avevi costruito tu, da ingrandire. Di questo parlava nelle lettere che scriveva a quella ragazza che ha deciso di sposare.

Ora i nostri ulivi hanno tutti una bella chioma tonda e il piccolo trullo che hai costruito è diventato prima una casa delle vacanze, e ora la mia casa, la casa dove vivo e ti scrivo. Perché è a questa casa che pensavo, nonno, durante i cinque anni trascorsi a Milano. La casa in campagna. Il luogo dove sono stata più felice, quando con un po' di terra e acqua, o della paglia e qualche petalo di papavero, servivo degli spaghetti al pomodoro e un caffè ai clienti del mio ristorante immaginario. O quando seguivo la scia della bava delle lumache e scavando riuscivo sorprendentemente a trovarne le uova.

Inutile poi dirti quanto sia più buona la frutta mangiata direttamente dall'albero, lo saprai meglio di me. E le fave in pignata cotte sul fuoco del camino? Mi sono fatta spiegare bene come si fa, le giuste dosi di fave e di acqua. Utilizzo le fave che ho spizzicato in un giorno di pioggia, rigorosamente con la rungedda della nonna, il coltellino che portava sempre nel grembiule. E almeno una volta al mese preparo i suoi biscotti, seguendo attentamente la ricetta. Uso la cucchiara in legno che hai fatto tu, l'unica con cui è possibile mescolare tre chili di impasto.

Sì, è vero, a volte mi mancano le mostre e il teatro di Milano, qui gli eventi culturali scarseggiano. E soprattutto, non c'è lavoro. Sono passati quattro anni da quando sono tornata e ogni tanto incontro ancora qualcuno che mi dice: “Che sei tornata a fare? Qui non c'è niente”. Dev'essere una domanda di moda sin dagli anni Settanta, dicevano la stessa cosa a tuo figlio quando è tornato dalla Germania.

È una terra strana, ogni volta che sono salita sull'autobus o sul treno per allontanarmene, mi è sembrato di tradirla. Di tradirmi. Forse anche di tradirti, anche se non ci siamo mai conosciuti.

Con il tempo cerchi di convincerti che la nebbia è sopportabile e ti abitui ad un cielo senza colore, senza nuvole. Hai un lavoro, cosa vuoi di più. Poi ritorni per le vacanze, e ricordi tutto. E sai che hai mentito, che a te piacciono le nuvole bianche e i tramonti rossi, i pomodori che hai piantato mesi prima e non quelli dell'Esselunga, e anche l'acqua del pozzo nei giorni d'estate, tirata su e bevuta nel secchio di metallo, quando vai a fare un giro tra i filari della vigna e cerchi l'ombra che ti nasconda dal sole.

Allora un bel giorno impacchetti tutto, e finalmente riesci ad unire i libri del Sud - i libri della tua adolescenza - con i libri letti e comprati al Nord, tutti finalmente sotto lo stesso tetto. E lo sai che questo forse è poco, ma ti sembra un buon inizio per la felicità.

Non sai cosa farai, ma sai che non vuoi più andartene e che se un giorno dovrai abbandonare tutto questo, sarà salendo su una scala puntata verso il cielo, tra i rami di un ulivo.>>

Tiziana Fusillo

Piero
Go to Top of Page

Silvano Del Rio

Canada
50 Posts

Posted - 28 December 2017 :  18:46:22  Show Profile  Reply with Quote
Buon Anno a tutti. :-)

Tiziana non spiega come riesce a vivere nel suo paese natale; questo e' importantissimo.

Se non si riesce a vivere dignitosamente dove uno e' nato, fa bene la gente a chiedere cosa ci sei tornata a fare.

Una canzone di Nicola di Bari dice piu' o meno che sotto sotto non si vive di solo amore. Verissimo.

Essendo emigrato coi miei genitori nel 1968 per venire in Canada da Roma, credo che sono abilitato a dare un consiglio ai giovani: se avete di che vivere dignitosamente nel vostro paese non lasciatelo, anche se forse (e solo forse) potreste vivere meglio finanziariamente. Infatti, e' piu' che possibile che il guadagno finanziario extra non vi ricompensi per quello che avete perduto sotto mille altri aspetti.

Se poi siete costretti ad emigrare, perche' non potete vivere dignitosamente a casa vostra, cercate prima di emigrare entro i confini dell'Italia. Se anche questo diventa impossibile allora andate dovunque ci sia lavoro.

Senza lavoro non si puo vivere e quindi non si possono gustare le belle cose del paesello. Chi la pensa altrimenti o e' un sognatore o ha qualcuno che lo mantiene.

A presto.

Silvano - da Toronto - Canada



Sbagliando s'impara e la pratica vale piu' della grammatica.
Go to Top of Page

Piero Chionna

Italy
8157 Posts

Posted - 29 December 2017 :  10:05:02  Show Profile  Visit Piero Chionna's Homepage  Reply with Quote
Ciao Silvano, buon anno anche a te.
Quello che dici è verissimo, io ne conosco tanti che sono partiti o che stanno partendo per cercare lavoro, soprattutto all'estero, e spesso si tratta di giovani laureati.
Sembra che nel tempo nulla sia cambiato e questo è veramente molto triste in un paese come l'Italia.





Piero
Go to Top of Page

Silvano Del Rio

Canada
50 Posts

Posted - 29 December 2017 :  14:54:36  Show Profile  Reply with Quote
Ciao, Piero:

I giovani laureati devono sapere prima di partire se e come le proprie lauree sono riconosciute nel paese straniero.

Qui in Canada ci sono fior di laureati che guidano i tassi' o puliscono gli uffici perche' le loro qualifiche non sono riconosciute e la trafila e gli esami per ottenere questo possono essere molto lunghi.

In parole povere, bisogna pianificare attentamente dove si va. Altrimenti si rischia di finire molto male. Se si e' preparati per questa lunga trafila/odissea allora tutto diventa piu' facile.

Personalmente, penso che oggi i giovani farebbero meglio ad imparare un mestiere qualunque e aprire un'attivita' nel proprio campo.

Internet puo' aiutare per farsi pubblicita', anche se adesso Google non e' piu' gratis: se vuoi che ti trovino, devi assolutamente pagare per l'annuncio. Avere solo un bel sito non basta piu' (esperienza diretta personale). Ma questo e' un altro discorso.

Ciao.

Silvano

Sbagliando s'impara e la pratica vale piu' della grammatica.
Go to Top of Page
Page: of 13 Previous Topic Topic Next Topic  
Previous Page | Next Page
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2022 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06