Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Storia delle ferrovie
 Ferrovie Americane
 L'era degli Streamliner
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Previous Page | Next Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 5

Gian Michele Sambonet

Italy
5071 Posts

Posted - 18 October 2012 :  15:51:28  Show Profile  Reply with Quote
1937 - Philadelphia and Reading

Nel dicembre 1937, la Philadelphia and Reading Railroad presentò il Crusader, un treno in acciaio inox costruito da Budd, impiegato sulla linea da Philadelphia a Jersey City, dove un breve collegamento via ferry conduceva a Manhattan. Il treno, che operava su qusta tratta due volte al giorno, era composto da cinque carrozze e presentava due observation car ad entrambe le estremità, in modo da non dover essere ruotato ai capolinea. Per questo servizio erano utilizzate due Pacific, anch'esse carenate in acciaio inox, i cui tender avevano la parte posteriore arrotondata, in modo da avvolgere la parte terminale delle observation car.



Il Crusader della Philadelphia and Reading. (Foto Archivi NS)



Un approfondimento:

http://www.dieselpunks.org/profiles/blogs/sunday-streamline-42-the
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
5071 Posts

Posted - 18 October 2012 :  16:38:08  Show Profile  Reply with Quote
1938 - Santa Fe

Nel gennaio del 1938, Baldwin consegnò una Baltic (4-6-4) carenata alla Atchison, Topeka and Santa Fe Railway. Questa macchina, la 3460, era parte di un odine di locomotive analoghe, ma non carenate, destinate alla linea che collega Chicago a La Junta in Colorado. Diversamente dalla colorazione rossa e gialla destinata alla trazione diesel e definita "War Bonnet", questa streamliner era colorata di celeste chiaro e presto prese il soprannome di "Blue Goose" (oca azzurra). (Foto: Archivi BNSF)



Un approfondimento:

http://www.dieselpunks.org/profiles/blogs/sunday-streamline-37-rare-bird
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
5071 Posts

Posted - 18 October 2012 :  19:12:04  Show Profile  Reply with Quote
1938 - New York Central

Nel marzo del 1938, la New York Central ricevette la prima Hudson (4-6-4) J3a costruita da Alco su un nuovo disegno di Henry Dreyfuss. Un capolavoro di stile e di tecnologia. Definite "Super Hudson" queste potentissime macchine furono utilizzate dapprima in testa al 20th Century Limited (New York-Chicago), poi anche all'Empire State Express (New York-Buffalo) nel 1941. Questi treni erano composti da materiale moderno, curati nei dettagli e nello stile dall'abile mano di Dreyfuss. Grazie a una grandiosa campagna pubblicitataria questi convogli e queste locomotive diventarono gli streamliner americani più famosi al mondo.



La Super Hudson del 20th Century Limited (sopra) e dell'Empire State Express (sotto). (Foto: Archivi NS)



Una curiosità: il termine "Limited", presente in molti nomi di treni americani, non significa che il servizio è gestito da una compagnia a responsabilità limitata o qualcosa del genere, ma che il servizio è limitato esclusivamente a un numero di passeggeri uguale ai posti a sedere disponibili.



Un approfondimento ricco di immagini:

http://www.dieselpunks.org/profiles/blogs/sunday-streamline-29-dreyfuss
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
5071 Posts

Posted - 19 October 2012 :  08:23:12  Show Profile  Reply with Quote
1938 - Chicago and North Western

Il collegamento tra Chicago e le città gemelle di Saint Paul e Minneapolis era gestito da tre compagnie in competizione tra loro. La Burlington Route svolgeva il servizio con lo Zephyr, La Milwaukee Road con lo Hiawatha, mentre la Chicago and North Western Railway, che gestiva ancora il collegamento con materiale ordinario, nel '37 si rivolse a Otto Kuhler per curare l'estetica delle carenature delle nuove Hudson E-4 ordinate ad ALCO, che erano destinate a quella linea, conosciuta come la "400" (dallo slogan che la pubblicizzava: 400 miglia in 400 minuti). Ma acora prima della consegna, i vertici della compagnia decisero di modernizzare il collegamento con nuovo materiale trainato da motrici diesel.
Le nove E-4 della C&NW (4000-4008), considerate le più grandi e le più potenti Hudson (4-6-4) mai costruite, entrarono in servizio nel settembre del 1938 sul collegamento Chicago-Omaha, servizio che proseguiva verso ovest con la Union Pacific. (Foto: Archivi UP)



Un approfondimento:

http://www.dieselpunks.org/profiles/blogs/sunday-streamline-32-forgotten
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
5071 Posts

Posted - 19 October 2012 :  09:24:42  Show Profile  Reply with Quote
1938 - Milwaukee Road

Verso la fine del 1938 la Chicago, Milwaukee, St. Paul and Pacific Railroad mise in servizio sei nuove Baltic (4-6-4), disegnate da Otto Kuhler e costruite da Alco, per potenziare il treno Hiawatha sulla linea Chicago–Twin Cities. Sebbene progettista e costruttore fossero gli stessi delle Hudson della C&NW, queste Baltic erano molto diverse sia nell'estetica, sia sotto il profilo tecnico. Queste macchine, molto snelle, sono considerate tra le più veloci 4-6-4 mai costruite. (Maggiori informazioni nella sezione dedicata al treno Hiawatha.)



Rare immagini a colori della motrice F-7 e dell'observation car disegnate da Otto Kuhler per lo Hiawatha del '39. (Foto: Archivi CMC)



Un approfondimento:

http://www.dieselpunks.org/profiles/blogs/sunday-streamline-9-milwaukee
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
5071 Posts

Posted - 19 October 2012 :  10:15:15  Show Profile  Reply with Quote
1939 - Lehigh Valley

Analogamente alla New York Central, la Lehigh Valley Railroad gestiva una linea che collegava New York a Buffalo, su un percorso molto più lungo rispetto alla Wather Level Route, ma che attraversava una regione ricca di miniere di antracite, da cui il nome di "Black Diamond" per i treni che la percorrevano. Nel 1939 la compagnia chiese a Otto Kuhler di carenare alcune vecchie Pacific (4-6-2) da accoppiare a vecchio materiale rimodernato per rinnovare il servizio.



Bullet style per le Pacific della LV rimodernate da Otto Kuhler. (Foto: Archivi NS)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
5071 Posts

Posted - 19 October 2012 :  11:41:06  Show Profile  Reply with Quote
1939 - Pennsylvania

Presentata ufficialmente all'esposizione di New York nel 1939, la S1 (6100), frutto del talento di Raymond Loewy, fece scalpore sia per il suo design avveniristico sia per l'insolita disposizione degli assi, secondo lo schema 6-4-4-6. Si tratta senza dubbio di una delle più belle locomotive del mondo, o almeno di una delle più sorprendenti.
Si trattava di una locomotiva sperimentale in grado di trainare treni del peso di 1000 tonnellate alla velocità massima di 160 km/h, oppure treni di 700 tonnellate a 190 km/h. In servizio aveva l'autorizzazione e viaggiare a 225 km/h solo su alcuni tratti della linea. Prestazioni eccezionali per l'epoca, ma di tutto rispetto anche ai giorni nostri.
Dotata di due carrelli a 3 assi e due gruppi di due assi motore a passo rigido (non articolati) con ruote di 2130 mm. di diametro, questa locomotiva definita "Duplex", utilizzava quattro cilindri a espansione semplice e sviluppava una potenza di 7000 CV. Il suo peso era considerevole, pari a 273 tonnellate, e il tender pesava ben 205 tonnellate a pieno carico, nel complesso la macchina pesava quindi 478 tonnellate.
La 6100 venne ritirata dal servizio nel 1949, dal momento che era troppo pesante, rigida, complessa e, paradossalmente, troppo potente. Inoltre, come tutte le locomotive carenate, aveva problemi di eccessivo surriscaldamento delle parti meccaniche e difficoltà di manutenzione, dovute al difficile accesso alle parti meccaniche stesse. (Maggiori informazioni su Raymond Loewy nella sezione dedicata alla Pennsy.)



S1 6100 e un disegno originale di Raymond Loewy conservato al B&O Railroad Museum (Foto: Archivi NS)



Un approfondimento sulla seconda torpedo di Raymond Loewy:

http://www.dieselpunks.org/profiles/blogs/sunday-streamline-14-the-big
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
5071 Posts

Posted - 19 October 2012 :  12:24:58  Show Profile  Reply with Quote
1939 - Frisco Lines

Nel dicembre del 1939, la St. Louis and San Francisco Railroad (che mai raggiunse San Francisco) inaugurò un nuovo servizio, chiamato "Firefly", tra Kansas City e Oklahoma City, utilizzando treni composti da materiale ordinario. I convogli, trainati da tre vecchie Pacific (4-6-2) del 1910 carenate per l'occasione, erano colorati di azzurro con decorazioni in alluminio. (Foto: Archivi BNSF)

Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
5071 Posts

Posted - 19 October 2012 :  13:58:43  Show Profile  Reply with Quote
1941 - Southern

Nel 1941 Otto Kuhler disegnò la carenatura per una Pacific (4-6-2) della Southern Railways, costruita da ALCO nel '23, da utilizzare in testa al treno " The Tennessean", un servizio che colleava New York a Memphis, lungole linee di tre compagnie (PRR, N&W e SR). Pare che Otto Kuhler non presentò il conto per questo lavoro e non fu mai pagato. (Foto: Archivi NS)

Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
5071 Posts

Posted - 19 October 2012 :  16:38:58  Show Profile  Reply with Quote
1941 - Norfolk & Western

Nell'ottobre del 1941 la Norfolk & Western presentò la prima delle 14 Class J (4-8-4) costruite nelle proprie officine di Roanoke in Virginia. Una carenatura analoga fu in seguito applicata anche a 22 Mountain (4-8-2). Tutte queste macchine rimasero in servizio fino al 1958. (Foto: Archivi NS)



Un approfondimento ricco di immagini:

http://www.dieselpunks.org/profiles/blogs/sunday-streamline-34-local
Go to Top of Page
Page: of 5 Previous Topic Topic Next Topic  
Previous Page | Next Page
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2021 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06