Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
 All Forums
 Indice delle Pagine locomotive Scala H0
 Italia
 Gr.653

Note: You must be registered in order to post a reply.
To register, click here. Registration is FREE!

Screensize:
UserName:
Password:
Format Mode:
Format: BoldItalicizedUnderlineStrikethrough Align LeftCenteredAlign Right Horizontal Rule Insert HyperlinkInsert EmailInsert Image Insert CodeInsert QuoteInsert List
   
Message:

* HTML is OFF
* Forum Code is ON
Smilies
Smile [:)] Big Smile [:D] Cool [8D] Blush [:I]
Tongue [:P] Evil [):] Wink [;)] Clown [:o)]
Black Eye [B)] Eight Ball [8] Frown [:(] Shy [8)]
Shocked [:0] Angry [:(!] Dead [xx(] Sleepy [|)]
Kisses [:X] Approve [^] Disapprove [V] Question [?]

 
Check here to subscribe to this topic.
   

T O P I C    R E V I E W
Staff Posted - 07 December 2012 : 23:17:03

Clic sull'immagine per la scheda



9   L A T E S T    R E P L I E S    (Newest First)
Luigi Ceffa Posted - 20 December 2012 : 08:26:03
Tornando alla Gr.653, il modello Roco coniuga l'ottima resa di una linea filante ed aggressiva ad un funzionamento, alle prime prove, dolce ed elastico, come mai avevo potuto prima incontrare. Il filmato è perfetto, ma l'impressione del contatto vero è ancora al di là di questo.
Alberto Pedrini Posted - 09 December 2012 : 10:38:04
Si, quel delta è una meraviglia, ha strappato commenti non abituali nel nostro indice. Ottima ricerca di spunti.
albertomocchi Posted - 09 December 2012 : 09:06:21
Stupendo!!!!!!!

Alberto
Gian Michele Sambonet Posted - 09 December 2012 : 07:49:04
Notevole!
Piero Chionna Posted - 08 December 2012 : 21:56:10
quote:
Originally posted by Enrico Ferrari

La cartina mi ha incuriosito, con le località dai nomi oramai dimenticati.
In particolare mi ha attratto Steinbruck e così esplorando in Google Earth ho trovato che oggi si chiama Zidani Most e sarebbe un ottimo spunto per un delta sull'acqua.
http://static.panoramio.com/photos/1920x1280/1797886.jpg



Uhhh, che bello!
Una situazione davvero particolare.

Piero
Enrico Ferrari Posted - 08 December 2012 : 21:40:23
La cartina mi ha incuriosito, con le località dai nomi oramai dimenticati.
In particolare mi ha attratto Steinbruck e così esplorando in Google Earth ho trovato che oggi si chiama Zidani Most e sarebbe un ottimo spunto per un delta sull'acqua.
http://static.panoramio.com/photos/1920x1280/1797886.jpg
Luigi Ceffa Posted - 08 December 2012 : 15:36:03
Stupenda la prima cartina, Piero
Piero Chionna Posted - 08 December 2012 : 11:20:57
quote:
Originally posted by Enrico Ferrari

Le tredici locomotive pervenute alle FS dopo la fine della Prima Guerra Mondiale erano adibite in origine alla linea Trieste -Vienna ed erano denominate SB 109.



Una vecchia cartina della linea Vienna-Trieste estratta dall'Album del viaggiatore-Nuova illustrazione di Brindisi, stampato a Napoli nel 1869.

http://www.marklinfan.com/public/Piero%20Chionna/triestevienna.jpg

Argomenti correlati:

La Ferrovia del Semmering
http://www.marklinfan.com/f/topic.asp?TOPIC_ID=1241

Le "Prime" locomotive del Semmering
http://www.marklinfan.net/loco_semmering.htm

Piero
Enrico Ferrari Posted - 08 December 2012 : 00:40:35
Le tredici locomotive pervenute alle FS dopo la fine della Prima Guerra Mondiale erano adibite in origine alla linea Trieste -Vienna ed erano denominate SB 109.
Riguardo alla linea Trieste-Vienna ho trovato in rete questa descrizione:

La storia della linea ferroviaria Vienna-Trieste era iniziata già nell’aprile del 1836, quando delegati della Camera di Commercio triestina presentarono una richiesta ufficiale all’imperatore Ferdinando I affinchè considerasse l’opportunità della realizzazione di detta strada ferrata che, innestandosi nella costruenda Vienna-Gloggnitz, in concessione al barone Sina, e attraversando la Stiria, si sostituisse ai collegamenti stradali che versavano in una cronica arretratezza.
L’istanza venne accolta e sostenuta dal barone Kübek nel 1841 all’interno della politica ferroviaria austriaca che allora aveva deciso il diretto intervento dello Stato a supporto di tali infrastrutture: fu così formalizzato il progetto della Ferrovia Meridionale dello Stato.
Realizzata la Vienna-Gloggnitz nel1842, i lavori continuarono in direzione del Semmering sulla base del tracciato individuato dall’Arciduca Giovanni d’Asburgo, Mürzzuschlag-Bruck an der Mur-Graz-Laibach, cui in un primo momento l’arteria venne intitolata.
I lavori del tracciato meridionale iniziarono nella primavera del 1850 con il superamento della palude di Lubiana. Lasciato alle spalle il Carso della Carniola, esso toccava Postumia, quindi San Pietro del Carso e da qui in continua discesa, passando per Sesana, arrivava ad Opicina.
Raggiunto il ciglione dell’altopiano a 303m sul livello del mare e a soli 5km da Trieste, a causa dell’impervia scarpata, si dovette allontanare in direzione di Aurisina, da dove con una curva a gomito scendeva verso la costa e parallelamente alla stessa arrivava alla città. In questo modo la tratta da Opicina a Trieste richiese la posa di 27km di rotaia.
Dopo lo scavalcamento del Semmering, in esercizio del 1854, la linea Lubiana-Trieste, con i suoi 144 km, fu quella che comportò maggiori difficoltà di costruzione per gli ostacoli dell’ambiente fisico.
I lavori durarono ben 7 anni e richiesero numerose opere d’ingegneria: ponti, viadotti e gallerie. Per il solo tratto terminale possiamo ricordare l’imponente viadotto di Aurisina lungo 646m, i lunghi tratti in trincea, 8 gallerie ed il viadotto di Barcola di 319m.
In tre lustri venne finalmente portata a compimento una linea ferroviaria a doppio binario per una lunghezza complessiva di 577km, opera degna di figurare nel novero delle grandi realizzazioni ingegneristiche per i suoi elevati contenuti tecnologici.


( fonte I.T.C.Carli-Trieste )

Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06