Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Storia delle ferrovie
 Ferrovie Americane
 Hiawatha
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Next Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 2

Gian Michele Sambonet

Italy
2131 Posts

Posted - 10 March 2012 :  10:35:53  Show Profile  Reply with Quote

Gian Michele Sambonet

Italy
2131 Posts

Posted - 10 March 2012 :  10:37:46  Show Profile  Reply with Quote
Hiawatha

"Hiawatha" è il nome di uno dei treni a vapore più veloci del mondo. Ma le punte di quasi 200 km/h non rappresentavano un limite per le eccezionali locomotive "Baltic" tipo F7 impiegate sul collegamento Chicago - Saint Paul e Minneapolis nel 1938. Correva l'epoca dei famosi "Streamliners", i treni carenati americani e questo era addirittura dotato di alettoni nella parte posteriore.

Il collegamento tra Chicago e le città gemelle di Saint Paul e Minneapolis attirò tre compagnie ferroviarie che si lanciarono subito in un'agguerrita concorrenza: si trattava della Chicago & North Western Railroad (CNW), con una linea lunga 657 km, della Chicago, Burlington & Quincy Railroad (CB&Q), con una linea di 690 km e, infine, della Chicago, Milwaukee, St. Paul and Pacific Railroad (MILW) meglio conosciuta come Milwaukee Road, con una linea di 663 km.
La prima compagnia adottò una politica di treni classici, ma molto veloci e in grado di percorrere i 657 km in 400 minuti, tanto che il numero 400 divenne oggetto di una vasta campagna promozionale. La seconda seguì una politica di automotrici diesel, le famose "Zephir", molto conosciute, con arredi interni appariscenti e cromati, ma talmente rumorose durante il viaggio che ben presto i passeggeri si stancarono, nonostante l'aria condizionata. La terza compagnia rimase fedele al treno classico. Ma che treno! Si trattava infatti del leggendario "Hiawatha", un impressionante treno carenato verniciato di arancione intenso, rosso acceso e bianco, le cui locomotive furono un autentico capolavoro nell'ambito della trazione a vapore.

Le prime macchine poste in testa al treno erano, fatto curioso per l'epoca (siamo nel 1935), delle "Atlantic", ovvero delle macchine con due soli assi motori. Immense, con un peso totale di 244 tonnellate e una lunghezza di 27 metri, non avevano niente a che vedere con le 4-4-2 della conquista dell'Ovest. Concepite per la velocità, da cui conseguiva un numero ridotto di ruote accoppiate, queste macchine viaggiavano a oltre 170 km/h e sviluppavano una potenza di più di 3000 CV. Furono le prime streamliner ad essere progettate come tali.

Ben presto le "Atlantic" non furono più sufficienti. Occorreva maggiore potenza. Si rese dunque necessario il passaggio alla locomotiva a 3 assi accoppiati, come il modello 4-6-4 o "Baltic" come veniva chiamato presso questa compagnia. Le 6 locomotive della serie furono consegnate nel 1938 e suscitarono grande scalpore, non solo per i colori sgargianti e intonati alla livrea del treno, come le "Atlantic", ma anche per la loro incredibile potenza. Potevano infatti viaggiare a oltre 190 km/h (120 miglia all'ora) in testa a un treno di 12 vetture del peso di 550 tonnellate.



La Atlantic A Class del treno Hiawatha del 1935. (Foto: Archivi CMC)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2131 Posts

Posted - 10 March 2012 :  10:39:03  Show Profile  Reply with Quote


Conosciute con il nome di F7, queste locomotive modello "Baltic" dovrebbero aver raggiunto, nell'ambito del servizio normale, velocità di punta di oltre 200 km/h. Ma sfortunatamente non si effettuarono mai registrazioni ufficiali. Il diametro delle loro ruote motrici era di 2134 millimetri e la pressione della caldaia arrivava a 21 bar. Gli ingegneri avevano previsto che tutti i pezzi in movimento alternato fossero di eccezionale leggerezza (pistoni, bielle) e che l'equilibratura dei pesi in movimento dovesse essere molto accurata. La fine di queste locomotive si verificò durante gli anni '40 con il passaggio alla trazione diesel, le cui prestazioni si rivelarono tuttavia nettamente inferiori. (Foto: Archivi CMC)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2131 Posts

Posted - 10 March 2012 :  10:39:42  Show Profile  Reply with Quote


Un'immagine del treno Hiawatha, con la F7 in testa nel 1938. (Foto: Archivi CMC)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2131 Posts

Posted - 10 March 2012 :  10:40:28  Show Profile  Reply with Quote


La observation car dello Hiawatha del 1939. (Foto: Archivi CMC)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2131 Posts

Posted - 10 March 2012 :  10:41:09  Show Profile  Reply with Quote


Per lo Hiawatha furono carenate anche due 4-6-0 di inizio '900. (Foto: Archivi CMC)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2131 Posts

Posted - 10 March 2012 :  10:41:57  Show Profile  Reply with Quote
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2131 Posts

Posted - 10 March 2012 :  10:46:51  Show Profile  Reply with Quote


Un'immagine a colori di una F1 (4-6-2) nel 1942. (Foto: Archivi CMC)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2131 Posts

Posted - 10 March 2012 :  12:10:53  Show Profile  Reply with Quote
Per chi fosse ulterirmente interessato, segnalo un interessante articolo ricco di immagini su questo treno:

http://www.dieselpunks.org/profiles/blogs/sunday-streamline-9-milwaukee
Go to Top of Page

Nino Carbone

4514 Posts

Posted - 12 March 2012 :  16:17:17  Show Profile  Reply with Quote

- La Rivarossi aveva prodotto negli anni '60 questa 4-4-2 Hiawatha argento -



- Foto da: rivarossi-memory.it -


- Nino -

Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
2131 Posts

Posted - 08 July 2012 :  07:26:48  Show Profile  Reply with Quote


Una cartolina che raffigura lo Hiawatha verso la fine del 1941: la motrice è una ALCO DL, il cui aspetto fu curato da Otto Kuhler, famoso per aver disegnato le linee di questo treno, nell'era del vapore, e di altri streamliner di successo.
Go to Top of Page
Page: of 2 Previous Topic Topic Next Topic  
Next Page
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06