Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Storia delle ferrovie
 Germania - Locomotive a vapore
 BR 14.1 (P 3.I Palatina)
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Author Previous Topic Topic Next Topic  

Nino Carbone

5773 Posts

Posted - 14 March 2012 :  15:01:33  Show Profile  Reply with Quote
BR 14.1 (P 3.I Palatina)

Nino Carbone

5773 Posts

Posted - 14 March 2012 :  15:04:10  Show Profile  Reply with Quote

- P 3I palatina (BR 141) -





- Cenni di storia -

Proprio come negli Stati Uniti e nella maggior parte dei Paesi europei, a cavallo del '900 la rete del Palatinato (Pfälzische
Eisenbahnen) optò per il modello "Atlantic" (2'B1').

Le 12 locomotive progettate dall'ingegnere von Helmholtz e costruite da Krauss tra il 1898 e il 1904 si rivelarono eccellenti.

Designate con il nome di serie "P 3.I", potevano trainare treni di oltre 200 tonnellate a 90 km/h.

Caratteristica principale era il focolare molto largo, studiato per ottenere maggiore potenza di vaporizzazione.

Per sistemare il focolare fu necessario interrompere i longheroni del telaio dietro il secondo asse motore, e prolungarli con
un falso telaio a longheroni esterni che passavano sopra le boccole degli assi del bissel posteriore.

I cilindri erano interni, cosa piuttosto rara su un"'Atlantic" europea che non fosse britannica.

Ma questa disposizione, benché adottata per ragioni di stabilità a velocità sostenuta, complicava le operazioni di manutenzione,
anche se contribuì a rendere questa locomotiva molto particolare dal punto di vista estetico.

I copriruote furono prolungati, sotto il piano praticabile, con coppe di lamiera che mascheravano parzialmente le ruote motrici
e creavano in tal modo un effetto estetico molto originale.

Infine, un'elegante cabina, la cui forma all'epoca veniva denominata "tagliavento", confermava l'aspetto innovativo
di questa macchina.

Nel 1913 tutte e 12 le locomotive furono trasformate con motori a doppia espansione.

I cilindri interni rimasero al loro posto e diventarono cilindri ad alta pressione, mentre i nuovi cilindri a bassa pressione furono
posizionati tra gli assi del carrello.

La Deutsche Reichsbahn rilevò 5 di queste locomotive come Classe 14.1 con i numeri 101-105.

Le P 3.I furono ritirate nel 1926.




- Dati tecnici -

- Anni: 1898-1904 -
- Rodiggio: 2'B1' n2 / n4v -
- Lunghezza: 19.070 mm -
- Velocità massima: 100 km/h -
- Diametro ruote motrici: 1.980 mm -
- Diametro ruote carrello anteriore: 950 mm -
- Diametro ruote Bissel posteriore: 950 mm -
- Potenza: --- PSi -
- Diametro cilindri: 490 mm -
- Corsa: 570 mm -
- Griglia: 2.81 mt2 -
- Pressione di esercizio: 13 kp/cm2 -
- Carico massimo per asse: 15.0 ton -

- Tender bay: 3 T 16 -

- Costruttore: Krauss -

- Unità costruite: 12 -

- Unità riclassificate DRG: 5 -

- Numerazione DRG: BR 14 101-105 -




- Immagini -

P 3.I con motore a doppia espansione, dopo le modifiche apportate nel 1913



- Foto da: Verkehrsmuseum Dresden -



- Foto copertina: P 3.I 119 "von Neuffer" / da Wikipedia -
- Fonte: Taschenbusch Deutsche Dampflokomotiven -

- Nino / Michele -
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 31 January 2020 :  14:55:37  Show Profile  Reply with Quote


La P 3.I fu la prima Atlantic realizzata in Germania e fece scuola sull'insieme della rete ferroviaria tedesca, così che altre
compagnie decisero di arricchire il loro parco di trazione con macchine tipo 2'B1'.

Il costruttore Maffei di Monaco diventò "campione" nella costruzione di questo modello di locomotiva e fornì ottime macchine
alla rete del Baden, della Baviera e del Palatinato.






- Foto: RVM-Archiv -



- Michele -
Go to Top of Page
  Previous Topic Topic Next Topic  
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06