Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Indice delle Pagine locomotive Scala H0
 Italia
 E.645
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Previous Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 2

Nino Carbone

5121 Posts

Posted - 07 February 2016 :  13:22:20  Show Profile  Reply with Quote

- Seconda parte -
- E.645 FS -

Clic foto





Clic foto





- Il servizio -

Le E.645 furono realizzate espressamente per il servizio merci e passeggeri sulle linee di valico, vennero però utilizzate
per parecchi anni in servizi del tutto diversi, in quanto la permanente mancanza di mezzi di trazione impose l’impiego
di queste macchine sulle linee di pianura con convogli passeggeri diretti a forte composizione e con un notevole
numero di fermate.

Questi servizi venivano svolti bene dalle E.645, specie in virtù dell’anticabraggio che favoriva gli spunti anche in condizioni
di aderenza precarie.

La complessa turnazione portava le E.645 anche in testa a treni direttissimi, ed in alcuni casi anche di rapidi, specialmente
sulle trasversali Roma-Ancona e Roma-Pescara; capitava, anche se raramente, che le unità assegnate ai depositi di Reggio
Calabriaed Ancona, trainassero lunghi convogli derrate che salivano dal sud Italia ai mercati del nord Europa.

Una linea sulla quale le E.645 furono per molti anni regine incontrastate fu quella del Brennero, dove furono impiegate sia
nel traffico passeggeri che in quello merci (anche se con l’appoggio delle E.636), in quanto la Verona-Bolzano-Brennero,
basilare itinerario per il collegamento dell’Italia nord-orientale e centrale con il Nord Europa, presenta uno sviluppo
di 237 km, con pendenze massime del 22-23 per mille sulla tratta Bressanone-Brennero.

Prima dell’entrata in servizio delle E.645, la trazione dei merci e passeggeri era affidata alle E.636 sulla Verona-Bolzano,
mentre sulla Bolzano-Brennero venivano utilizzate le E.432 ed E.554 trifasi.

Quest’ultima tratta fu convertita in corrente continua nel maggio 1965 e immediatamente la trazione dei più importanti
convogli passeggeri venne affidata alle E.645 del deposito locomotive di Verona.

A queste macchine, sulla tratta più impegnativa, da Bolzano a Brennero, vennero assegnati carichi rimorchiati di 500 ton
alle velocità d’impostazione d’orario di 70-95 km/h; alle stesse velocità il carico rimorchiato saliva a 700 ton purché il treno
venisse effettuato in doppia trazione con una locomotiva del medesimo gruppo oppure con una del gruppo E.636
con rapporto di trasmissione 21/65.

Anche se indiscusse regine della linea per quasi un ventennio, nei primi anni ‘80 le E.645 di Verona videro drasticamente
ridotto il campo delle loro prestazioni a favore delle nuove locomotive del Gruppo E.633 (Tigre), che furono assegnate
al deposito veronese proprio per il servizio sulla Verona-Bolzano-Brennero.

A seguito di questo fatto molte E.645 furono trasferite presso il deposito di Udine per migliorare la trazione dei treni sulla
non facile linea Pontebbana, consentendo contemporaneamente l’accantonamento delle ultime E.626 con motogeneratore.

Sulla linea più difficile della rete FS, la Bussoleno-Bardonecchia-Modane, le unità del Gruppo E.645 (tutte di prima serie
assegnate al deposito di Bussoleno), fecero la loco comparsa nel corso del 1974.

Fino al quel momento, dalla trasformazione in corrente continua, avvenuta nel 1961, le uniche locomotive autorizzate
a salire lungo i ripidi tornanti da Bussoleno a Salbertrand erano le E.626 ed E.636,in quanto le sottostazioni elettriche
non erano in grado di sopportare gli elevati assorbimenti alle E.645 ed E.646.

Dal 1970, i vertiginosi aumenti di traffico merci che si registrarono, imposero un rapido potenziamento degli impianti
di trazione elettrica, per cui, a lavori conclusi, anche le E.645 ed E.646 vennero ammesse a circolare su questa
fondamentale linea.

Su questa importante arteria vennero prevalentemente utilizzate per il traino di convogli merci sulla tratta più ripida,
furono ammesse a circolare con un carico rimorchiato di 600 ton, in semplice trazione, alla velocità di 55/60 km/h
e in doppia trazione con una locomotiva dello stesso gruppo o con una del gruppo E.636 (con rapporto 21/65).

In questo caso il carico rimorchiato massimo ammesso saliva a 870 ton per arrivare 1.000 ton in tripla trazione, con 2
locomotive in testa e 1 in coda.

Sulla tratta Modane-Bardonecchia, anch’essa con un’ascesa media del 28 per mille, il carico massimo rimorchiato ammesso
era 1.300 ton in tripla trazione (2 locomotive E.636 in testa e 1 E.645 in coda).

Su questa tratta il cavallo di battaglia di queste macchine erano i treni merci, anche se, a quelle del deposito di Bussoleno,
vennero spesso affidati anche importanti treni rapidi, come il “Mont Cenis” il “Rome Express” e il “Palatino”.

Ma anche per le E.645 di Bussoleno il biennio 1983-84 fu fatale con la massiccia assegnazione delle locomotive E.633 al D.L.
di Torino Smistamento, con queste assegnazioni le E.645 vennero quindi relegate a servizi di minor impegno.

Le unità in eccedenza furono trasferite presso il deposito locomotive di Reggio Calabria per migliorare la marcia dei treni
merci sulla dorsale tirrenica a sud di Napoli.

L’entrata in servizio dell’ultima serie dei “Caimani” (E.656.401>550) e delle unità di seconda serie di “Tigri” (E.633.080>111),
spodestò le E.645 da questi servizi, le quali vennero allora utilizzate per il traffico merci sulle linee di pianura, con migliorie
sulla marcia dei treni, lasciando i treni passeggeri a forte composizione in pianura alle E.656 e i treni viaggiatori e merci
sulle linee di valico alle E.633.

L’accantonamento del Gruppo E.645 avvenne entro il 2008.




- Le livree -

Le E.645, forse perché teoricamente destinate ai treni merci e considerate a torto meno importanti delle E.646, vennero colorate secondo lo schema tradizionale in castano-isabella.

- E.645.013 (ex E.646.213 – ex E.646.033) a Verona Porta Nuova -
(Agosto 1981)



- Foto Giuseppe Lippolis / da: Mondo Ferroviario 68 -

Questi colori vennero ripresi anche per le E.645 di seconda serie.



- Foto Bernhard Struder -

Negli anni ‘70 l’eliminazione delle modanature sulle E.646 venne estesa anche alle E.645.

- E.645.037 a Milano -
(21 marzo 1992)



- Foto Stefano Paolini / da: it.wikipedia.org -

All’inizio degli anni ‘90 per semplificare la manutenzione vennero dipinte in completa livrea isabella.

- E.645.033 a Milano Smistamento -



- Foto da: Mondo Ferroviario 94 -

Nel 2002 iniziarono le colorazioni (pellicolatura) in livrea XMPR2 con il logo FS adesivo.



- Foto Matteo L. / da: commons.wikimedia.org -



Nel 1998 la E.645.021 venne ridipinta nei colori delle E.646 d’origine -

- E.645.021 a Luino -
(Ex E.646.013)



- Foto da: digilander.libero.it -



- I “baffi” di alluminio della E.645.025 -
(Ancona Centrale giugno 1977 / I “baffi” vennero eliminati verso la metà degli anni ‘80)

Clic foto



- Foto Arnaldo Vescovo / da: lnx.informatica80.it -



- L’interno del logo frontale con la sigla FS in rilievo era su fondo castano non mancarono loghi a fondo rosso -

- E.645.024 a Domodossola con l’interno del logo frontale rosso in sostituzione del castano -
(29 giugno 1985)



- Foto Hansjürg Roher / da: Mondo Ferroviario 68 -

- Unità di seconda serie con l’interno del logo frontale rosso -
(E.645.048 a Verona Porta Nuova nell’agosto 1986)



- Foto A.Altenhuber / da: Mondo Ferroviario 84 -



- Dati tecnici -

Clic foto



Clic foto



Clic foto



(*4 / Le unità E.645.001>017 erano in origine classificate E.646.021>037 – Le E.645018>032 erano in origine E.646.006>020)

(*5 / Le E.645.101>105 provengono dalla trasformazione delle E.646.001>005 mediante la sostituzione rapporto di trasmissione)


- Profili e tabella da: Locomotive elettriche E.645-E.646 / Sergio Pautasso / edizioni elledi -




- Prima foto di copertina Rosenberg / da: Locomotive elettriche E645-646 / Sergio Pautasso / edizioni elledi / E.645 prima serie a Mezzaselva (Brennero-Verona) settembre 1982 -
- Seconda foto di copertina Brian Stephenson / da: railpictures.net / E.645.072 si seconda serie a Campodazzo (Brennero) il 1 giugno 1967 -
- Fonti -
- Locomotive elettriche E645-646 / Sergio Pautasso / edizioni elledi -
- Locomotive FS E.645 ed E.646 / Mario Bicchierai / Mondo Ferroviario 61 -
- Mondo Ferroviario: 68-84-94-197 -

- Nino -
Go to Top of Page

Nino Carbone

5121 Posts

Posted - 15 February 2016 :  22:54:59  Show Profile  Reply with Quote


- E.645.004 a Rho il 12 dicembre 1987 / Costruttore OM-CGE 1959 -
(Ex E.646.024 ed ex E.646.204)

Clic foto



- Foto Maurizio Messa / da: c1.staticflickr.com -


- Nino -
Go to Top of Page

Nino Carbone

5121 Posts

Posted - 15 February 2016 :  22:59:14  Show Profile  Reply with Quote


- E.645.001 in completa livrea isabella / Costruttore OM-CGE 1959 -
(Ex E.646.021 ed ex E.646.201 / Deposito Locomotive Novara / 2 ottobre 1998)



- Foto Giuseppe Corrias / da: lnx.informatica80.it -


- Nino -

Go to Top of Page

Nino Carbone

5121 Posts

Posted - 03 July 2016 :  12:41:49  Show Profile  Reply with Quote


- Link correlato con la Serie 362 (JŽ / HŽ / SŽ): http://www.marklinfan.com/f/topic.asp?TOPIC_ID=3576 -

Clic foto



- 362-039 a Postumia (Slovenia sud-occidentale) il 16 agosto 1988 / Foto I.Beltramba / da: iTreni oggi 79 -


- Nino -
Go to Top of Page
Page: of 2 Previous Topic Topic Next Topic  
Previous Page
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06