Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Area appassionati Märklin
 Le pagine dei Soci del Club
 I treni di Michele Sambonet
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Previous Page | Next Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 18

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 22 October 2019 :  16:09:21  Show Profile  Reply with Quote


Re 20/20 (186*-065*-033-160*) in trasferimento con pianali vuoti intorno al 2007.
*(Modelli che ho già presentato)

Questa improbabile composizione (riguardo le livree), già fotografata e filmata sul plastico sociale, è dovuta al fatto che quando nel 2002 presentarono la nuova livrea Cargo, pensavo che nel giro di pochi anni tutte le macchine della divisione Cargo l'avrebbero mostrata. Invece ancora oggi la maggior parte sono rosse, quindi se non l'hanno fatto le SBB l'ho fatto io. Potrei mettere insieme anche solo macchine rosse o verde-rossa-cargo-rossa...
Tutte le mie doppie trazioni Hag sono predisposte in questo modo: La prima unità (quella in testa) ha il pattino e il frontale è guarnito con vomere chiuso, gancio realistico, tubi per l'aria compressa e macchinista in cabina. Inoltre, nella parte posteriore del modello di fianco al portagancio esce un cavetto con spinotto femmina che porta corrente. La seconda unità (quella che segue) non ha pattino e non è guarnita, presenta portaganci ad entrambe le estremità con affianco i cavetti, uno maschio, uno femmina. Con questo sistema potrei accoppiare macchine all'infinito, inoltre mi è utile per portare corrente alle carrozze che seguono.
Quando realizzai questa Re 20/20 decisi che una macchina doveva comparire unicamente in questa composizione per valorizzarla: la Re 620 033 "Muri AG". Lo stesso feci con la tripletta di Re 420 Cargo (che vidi realmente), dove la macchina al centro è presente solo lì.
Una particolarità: la Re 420 160 in coda (presente anche nella tripletta) è l'unica con climatizzatore presente in questa composizione e fu la prima Re 4/4II a riceverlo nel 2003, allora era ancora verde ma ben presto le fu data la livrea Cargo.
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 22 October 2019 :  16:11:17  Show Profile  Reply with Quote


Re 10/10, con Re 6/6 11643 "Laufen" e Re 4/4II 11214*, in testa a un convoglio di carri cisterna, nella seconda metà degli anni '90. (Modelli Hag).
L'intero convoglio è composto da 16 cisterne. Anche questi modelli sono già stati fotografati e filmati sul plastico sociale.
*(Modello che ho già presentato)

Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 22 October 2019 :  16:46:29  Show Profile  Reply with Quote








Re 4/4III 11360 in testa a un merci con carri provenienti da tutte le parti del Paese e destinati ai grossisti di bevande e generi alimentari in Ticino, intorno al 1990. (Modello hag)
Il convoglio è composto da 15 carri privati Hbils, più 2 noleggiati alle SBB.
Nei primi anni '90 Märklin ha prodotto un'infinità di questi carri per il mercato svizzero e sono parte dei primi acquisti fatti a quell'epoca. Però ci voleva una locomotiva adatta, perché il peso del convoglio era eccessivo per una Re 4/4II e scarso per una Re 6/6. Così nel '95 acquistai una Re 4/4III (unica nella mia collezione), che sulle pendenze del 26 ‰ poteva rimorchiare fino a 580 tonnellate, giusto il peso approssimativo del convoglio.
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 23 October 2019 :  12:31:33  Show Profile  Reply with Quote


BR 185 577 e Re 485 005* BLS in doppia trazione in testa a un merci proveniente dalla Germania nel 2007. (Modelli Märklin)

La Re 485 BLS, la cui livrea non è cambiata, la accoppio in doppia trazione con tre differenti macchine nell'arco di 15 anni.
*(Modelli che ho già presentato)

BR 185 099* DB e Re 485 005* BLS in doppia trazione in testa a un merci diretto in Germania nel 2003. (Modelli Märklin)

Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 23 October 2019 :  12:33:42  Show Profile  Reply with Quote


BR 185 542 R4C in testa a un convoglio di 8 cisterne nel 2009 (Modello Märklin)
Solo dal 2008 Rail4Chem ha avuto l'autorizzazione a transitare sul Gottardo, ma nel 2010, a seguito di successive crisi finanziarie, è stata assorbita da Captrain Deutschland e la denominazione originale è definitivamente scomparsa.
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 23 October 2019 :  12:35:49  Show Profile  Reply with Quote


Re 10/10, con Re 4/4III 11360* e Re 6/6 11640* "Münchenstein", in testa e Re 4/4II 11224* in coda a un merci Interfrigo di 1700 tonnellate all'inizio degli anni '90. (Modelli Hag)
Un convoglio di questo peso lo compongo abitualmente con 23 carri Hag (4 assi) molto stabili , che con le motrici supera i 5 metri.
*(Modelli che ho già presentato)





Quando compongo un convoglio, calcolo sempre il peso in relazione alle motrici impiegate. Con una pendenza del 26‰ una Ae 6/6 è in grado di rimorchiare 650 tonnellate, una Re 4/4II 500, una Re 4/4III 580, una Re 6/6 800, una Re 460 o una BB moderna come le TRAXX 650, la Re 4/4 BLS 620. Per le doppie trazioni, sia le Re 10/10, sia le Re 460 x2 come pure le TRAXX, il limite è di 1300 tonnellate che diventano 1400 nel caso la Re 10/10 sia composta con una Re 4/4III. Con una locomotiva in spinta si arriva a 1700 tonnellate.
Mi baso anche su quanto ho avuto modo di osservare: dietro a una doppia trazione ho visto convogli di 16 cisterne, 16 carri silos, 17 carri per lamiere in rotoli, 24/26 intermodali, 20 carri RoLa e così via. La velocità massima in salita per i merci sul Gottardo era di 80 Km/h, ma anche in discesa (con freno elettrico di recupero inserito). La velocità massima della Ae 6/6 era di 75 Km/h. Il peso limite per asse sul Gottardo era di 20 tonnellate, ma negli ultimi anni di esercizio si tolleravano anche pesi leggermente superiori. Aggiungo che le Ae 4/7 in doppia trazione rimorchiavano 740 tonnellate.
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 23 October 2019 :  18:02:16  Show Profile  Reply with Quote
Per comporre i treni merci uso principalmente carri Märklin, sono affidabili e robusti, con il giusto livello di dettagli, ma i migliori sono gli Hag! Uso anche carri Roco, ACME, Brawa e qualche Liliput, in generale tutti molto fragili. Non mischio mai le marche perché ogni costruttore ha la sua impronta, a parte in qualche occasione ACME con Brawa o Roco con Liliput. Inoltre i respingenti Märklin sono posizionati più in alto e si nota.
Per i convogli passeggeri uso Roco, LS Models, ACME e qualche Rivarossi o Liliput, tutti in scala esatta. Qui mischio senza problemi, a parte i verdi Roco che sono scurissimi e non ci azzeccano con gli altri.
I vagoni Märklin in scala ridotta (illuminati) sono tutti di epoche precedenti e viaggiano solo tra di loro.
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 23 October 2019 :  18:21:11  Show Profile  Reply with Quote






Re 6/6 11673* "Cham" in testa a un Espresso Roma-Basilea nella seconda metà degli anni '80. (Modello Hag)
La composizione completa comprende 12 carrozze UIC X svizzere e italiane, con 8 seconde classi, 3 prime classi e un bagagliaio. Non è presente una ristorante ma una seconda italiana dispone di un comparto ristoro. Questi convogli, senza aria condizionata, erano un miscuglio di livree con vecchi e nuovi loghi, con tetti scuri e tetti chiari.
*(Modello che ho già presentato)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 23 October 2019 :  18:24:27  Show Profile  Reply with Quote










Re 6/6 11614* "Meilen" in testa a un Espresso a lunga percorrenza via Gottardo nei primi anni '80.
Il convoglio è composto da 13 carrozze tutte SBB e comprende una sezione notturna e una sezione diurna così ripartite: notturna davanti (2xBcm RIC, 1xWLAm TS2, 2xBcm Eurofima), bagagliaio Dm RIC al centro e diurna dietro (2xBm RIC, 2xAm Eurofima, 3xBm RIC).
Ho ricostruito questo convoglio in base a due fotografie viste su una rivista tempo fa. La didascalia riportava solo la data (1981) e il luogo (nei pressi di Wassen in direzione sud). Quindi non so né da dove provenisse né dove andasse, ma la ricostruzione dovrebbe essere precisa. Composizione che meritava essere presentata al completo, o quasi.
*(Modello che ho già presentato)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 23 October 2019 :  18:30:33  Show Profile  Reply with Quote
Con il materiale che ho presentato posso realizzare molte altre composizioni, che a questo punto diventerebbe veramente noioso e ripetitivo mostrare, comunque il tutto è finalizzato a una realistica e complessa movimentazione pertinente a diversi periodi nell'arco di quarant'anni e attinente al Gottardo.
Ogni periodo ha i suoi treni merci di diverse tipologie, i suoi treni postali, i suoi treni passeggeri locali, diretti e internazionali, oltre alle macchine da manovra o di servizio e a quelle storiche.
Indipendentemente dalla complessità o dalla semplicità del plastico che avrei voluto realizzare, la cosa fondamentale era avere una stazione nascosta che potesse accoglie 12 convogli in attesa più 2 in movimento.

Per completare l'opera mi mancano ancora alcune cose. Le carrozze EW-II IR in livrea "Papagei" che roco dovrebbe, dopo tanti anni, ripresentare a breve. L'ETR 610 in livrea SBB che ACME annuncia da anni, la versione Lima mi sono trattenuto dal prenderla perché molto criticata. Spero che Rivarossi riproponga l'ETR 470 in livrea Cisalpino (ex Lima). Infine mi piacerebbero due convogli DB: il Tiziano anni '80 annunciato da LS Models e mai realizzato e l'EC Verdi anni '90.

Ma ancora non ho finito, i prossimi modelli saranno sempre svizzeri e molto Märklin!
Go to Top of Page
Page: of 18 Previous Topic Topic Next Topic  
Previous Page | Next Page
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06