Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Area appassionati Märklin
 Le pagine dei Soci del Club
 I treni di Michele Sambonet
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Previous Page | Next Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 18

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 12 October 2019 :  12:41:36  Show Profile  Reply with Quote


D 1/3 "Limmat" in testa al treno storico della "Spanisch-Brötli-Bahn", per i festeggiamenti dei 150 anni delle ferrovie svizzere nel 1997. (Modello Märklin)
Si tratta di una ricostruzione, fatta nel 1947, della locomotiva e del convoglio originale del 1847, che fu il primo treno a muoversi sul territorio svizzero. La locomotiva originale era una Norris con combustione a legna, costruita da Maschinenbau-Gesellschaft Karlsruhe per la Schweizerische Nordbahn (SNB) da impiegare sulla linea Zurigo-Baden. La ricostruzione brucia carbone.
Tra le tante locomotive storiche presenti ai festeggiamenti c'era anche la Ae 8/14 11801 del 1932. (Modello Märklin)

Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 12 October 2019 :  15:00:17  Show Profile  Reply with Quote


Ae 6/6 11500 "Landquart" in testa a un convoglio di derrate alimentari Migros, nella seconda metà degli anni '80. (Modello Hag)
Il muso di questo modello è perfetto! Questa è la Ae 6/6, giusta in ogni dettaglio e la puoi maneggiare come vuoi senza che si sbricioli o che schizzino via pezzettini da tutte le parti...
I carri (ACME) Interfrigo italiani, sono a sagoma inglese e ammessi al trasbordo sui traghetti.

Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 13 October 2019 :  12:21:12  Show Profile  Reply with Quote


Re 4/4II 11161 TEE in testa a un treno diretto Chiasso-Basilea intorno al 1980. (Modello Märklin)
Il convoglio completo è composto da 7 carrozze EW-II (1xD, 1xA, 1xAB, 4xB).
Il servizio passeggeri interno tra Chiasso e Basilea o Zurigo, sulla linea del Gottardo ,ha sempre sfruttato i treni internazionali, ma per rispettare un orario cadenzato lungo l'arco della giornata si rendeva necessario predisporre ulteriori treni, specialmente al mattino presto e alla sera.

Questa particolare macchina è stata consegnata in livrea TEE nel 1969 e per 10 anni ha svolto il suo regolare servizio tra Basilea e Chiasso in testa al "TEE Roland" (Brema-Milano) o tra Basilea e Zurigo in testa al "TEE Helvetia" (Amburgo-Zurigo). In seguito alla soppressione di questi treni nel 1979 è stata poi utilizzata per ogni tipo di impiego. In occasione della revisione generale nel 1981 ha ricevuto la livrea verde. Nel 1999 è stata assegnata alla divisione passeggeri e oggi è rimasta l'unica Re 4/4II verde a svolgere tale servizio. Altre 2 sono nella divisione Cargo (11309 e 11330).



Per questo modello dispongo anche del "Roland" anni '70 (6 pezzi Trix), ma non è in scala esatta. Lo presenterò in seguito insieme al "Bavaria" anni '70, al "Rheingold" anni '60 e altri in scala Märklin.
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 13 October 2019 :  12:28:01  Show Profile  Reply with Quote


Ae 6/6 11402 "Uri" del 1953, fresca di restauro, a Erstfeld per i festeggiamenti dei 125 anni del San Gottardo nel 2007. (Modello Hag)
La storica Ae 6/6 "Uri" nella realtà presenta il sottocassa grigio chiaro, come era all'origine, ma io preferisco lasciarla con il grigio medio perché la utilizzo anche in testa a convogli della fine degli anni '70, quando era ancora in servizio.
La disposizione delle apparecchiature sul tetto, che nei due prototipi era differente rispetto alle successive locomotive della serie, sul modello è riportata fedelmente.
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 13 October 2019 :  12:31:57  Show Profile  Reply with Quote


Re 10/10, con Re 4/4II 11344 e Re 6/6 11609 "Uzwil", in testa a un convoglio intermodale intorno al 2007. (Modelli Hag)
Il convoglio completo è composto da circa 25 carri e supera i 5 metri. Ho a disposizione diverse tipologie di carri (Marklin), che utilizzo in modo pertinente al loro periodo di impiego (a partire dal 2002): a tasca, a pianale e a pianale doppio. Anche i carichi (container o semirimorchi) cambiano secondo l'epoca.
La Re 4/4II 11344 nel 2013 ha ricevuto la livrea Cargo.
Quello che fa la differenza sui modelli Hag, oltre ai motori, è la finitura dei frontali.

Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 13 October 2019 :  13:40:00  Show Profile  Reply with Quote


Re 10/10, con Re 6/6 11664 "Köniz" e Re 420 307, in testa a un convoglio intermodale intorno al 2015. (Modelli Hag)
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 13 October 2019 :  15:32:22  Show Profile  Reply with Quote


Re 4/4II 11229 in testa a un EC Milano-Basilea intorno al 2010. (Modello Märklin)
Il convoglio completo è composto da 6 carrozze FS (2xA, 4xB).
Con la cessazione delle attività da parte della società Cisalpino, che gestiva il servizio passeggeri tra Italie e Svizzera, nel dicembre 2009, tutto il materiale rotabile che aveva in carico è tornato in mano alle case madri, Trenitalia e SBB. Tra questi, gli ETR 470 che Trenitalia continuò a utilizzare sui collegamenti Milano-Zurigo e Milano Basilea. Ma molto spesso questi treni erano guasti, quindi il servizio veniva espletato con materiale ordinario.
A quesa particolare macchina, assegnata alla divisione passeggeri nel 1999 e futura LION, nel 2010 furono montati in via sperimentale speciali fari a led (presenti nel modello), poi utilizzati su tutta la gamma LION.
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 13 October 2019 :  15:34:01  Show Profile  Reply with Quote


Re 460 054 in testa all'IR Locarno-Zurigo intorno al 2015. (Modello Märklin)
L'intero convoglio è composto da 6 carrozze EW-IV ed EC in livrea attuale (1xA, 1xApm pano, 2x Bpm, 2xB). Nei fine settimana o nel periodo estivo potevano venire aggiunte 2 Bpm RIC. In testa erano utilizzate indipendentemente le Re 460 o le Re 4/4II. Il servizio fu soppresso nel dicembre 2016.
Questo modello non presenta più le scritte "2000" sui frontali, come tutte le Re 460 dal 2008.
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 13 October 2019 :  17:45:25  Show Profile  Reply with Quote


Ae 4/7 MFO 10976 del 1931, a Erstfeld per i festeggiamenti dei 100 anni delle SBB nel 2002. (Modello Hag)
L'aspetto fine anni '50 e inizio anni '60, ancora con vecchi fanali e vecchi pantografi, della storica Ae 4/7 10976 è rimasto tale dal 1995 al 2006 (questo modello), in seguito si è voluto darle l'aspetto che aveva all'origine, aggiungendo le ribaltine frontali e dipingendo di nero i mancorrenti.
Go to Top of Page

Gian Michele Sambonet

Italy
4230 Posts

Posted - 14 October 2019 :  12:04:38  Show Profile  Reply with Quote


Re 4/4I 10015 (di prima serie) in testa a un treno locale Lugano-Locarno via Bellinzona, verso la fine degli anni '70. (Modello Märklin)
Il convoglio è composto da 5 carrozze leichtstahl (3xB, 1xA, 1xD). Al tempo non era prevista una carrozza pilota, introdotta poi successivamente insieme ad altre 2 carrozze di seconda classe. Ricordo questo treno in stazione a Lugano, pronto sul primo binario.





Una precisazione sul colore dei tetti. Fino alla fine degli anni '60 i tetti di locomotive e carrozze erano argento. Nel corso degli anni '70 le locomotive hanno ricevuto un colore argento leggermente brunito e le carrozze un grigio topo scuro. Nel corso degli anni '80 circolavano ancora molte carrozze col vecchio tetto argento ormai arrugginito e annerito, come anche alcune locomotive.
Il grigio scuro sui tetti delle locomotive (che molti produttori di modelli ci propinano) è stato applicato di recente, in passato fu adottato solo sulle Re 4/4II TEE. Ho materiale fotografico in abbondanza per dimostrarlo.





Questo è uno dei più bei modelli di macchina svizzera prodotti da Märklin. La sostituzione dei pantografi con quelli in scala, le rendono tutta la sua eleganza. Unica pecca il colore del predellino che dovrebbe essere come i carrelli e che prossimamente sistemerò. Monta un motore C-Sinus compatto, criticato da molti, che a mio avviso va benissimo. La cosa curiosa è la sua curva di potenza, rimane lenta fino a che, quando il regolatore è quasi al massimo, inizia ad accelerare con ottime prestazioni anche sotto carico.
Go to Top of Page
Page: of 18 Previous Topic Topic Next Topic  
Previous Page | Next Page
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2016 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06