Märklinfan Club Italia
Märklinfan Club Italia
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Storia delle ferrovie
 Italia - Locomotori elettrici - Elettrotreni
 ALSe 10 / ETS 11 (Il treno del regime)
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Author Previous Topic Topic Next Topic  

Nino Carbone

6171 Posts

Posted - 03 September 2017 :  18:49:49  Show Profile  Reply with Quote
ALSe 10 / ETS 11 (Il treno del regime)

Nino Carbone

6171 Posts

Posted - 03 September 2017 :  19:28:03  Show Profile  Reply with Quote

- ALSe 10 / ETS 11 FS -
(Il treno del regime)

Clic foto



- Foto Centro Storico Fiat / da: Mondo Ferroviario 143 -



- Premessa -

L’immagine di dinamicità con la quale amò sempre presentarsi il regime del Ventennio, fu ben presente nel momento in cui
si intese realizzare una sorta di “vettura blu” ferroviaria per il capo del Governo di quei tempi.

Il periodo, connotato nell’architettura ferroviaria dalla filante linea aerodinamica dei nuovi elettrotreni e dalle automotrici
leggere elettriche (ALe), produsse un convoglio speciale del quale sono giunte ai giorni nostri alcune immagini a colori
degli addobbi, così come si presentavano all’epoca della consegna, quando il treno era classificato ALSe 10.

(Automotrice Leggera Salone elettrica)

Consegnato nel 1940, per evidenti motivi di sicurezza non si seppe molto del suo reale utilizzo.

Pare sia stato usato in particolare per alcune trasferte del Presidente del Consiglio e dei suoi familiari da Roma a Rimini,
normalmente via Bologna-Ancona, ma si hanno notizie anche di instradamenti (al traino di locomotive a vapore)
da Firenze per Faenza via Ferrovia Faentina.

- Link correlato Faentina: http://www.marklinfan.com/f/topic.asp?TOPIC_ID=3239 -



- Cenni di storia -

Clic foto



- Schema da: Mondo Ferroviario 143 -

Pur ispirandosi ai canoni di modernità, velocità e stile dell’ETR.200, venne decisa la costruzione di un complesso di 2 soli
elementi, basandosi sui criteri industriali adottati dalla FIAT per le automotrici elettriche ALe.880.

L’elettrotreno salone (esemplare unico), era costituito da 2 elementi derivati dalle automotrici elettriche ALe.880, appositamente
adattati come arredamento interno e permanentemente accoppiati (retro-retro) con mantici protetti da carenature metalliche.

La lunghezza del convoglio era di 55.160 mm (2 unità da 27.580 mm)

L’automotrice con la sala riunioni era dotata d 2 pantografi, mentre quella con bagagliaio ne disponeva di 1 solo sul lato
cabina di guida.

L’elettrotreno salone venne costruito dalla FIAT, mentre la parte elettrica venne fornita dalla Marelli.

Era ricoverato a Roma accanto alla rimessa del treno reale nel piazzale di Termini, ma probabilmente durante il conflitto venne
decentrato, pur rimanendo sempre nel contesto romano, nel corso del quale la primitiva classificazione venne mutata da:


- ALSe 10 (Automotrice Leggera Salone elettrica) a ETS 11 (Elettro Treno Salone) -

Gravemente danneggiato durante i non molti, ma pesanti bombardamenti sulla Capitale, nel dopoguerra venne a cessare la sua
funzione, in quanto vi era addirittura eccedenza di vetture speciali e salone un tempo destinate alla Corona, ai dignitari di corte
ed ai massimi esponenti del Governo.

Il convoglio avendo però la particolarità, che gran parte della meccanica e dell’equipaggiamento elettrico era comune con quello
delle altre automotrici elettriche, e considerata la grave scarsità di mezzi, anche leggeri, con la quale le FS dovevano confrontarsi
ogni giorno, venne ricostruito come veicolo ordinario, mantenendo la sua configurazione originaria di 2 motrici permanentemente
accoppiate attraverso un giunto rigido e un mantice di intercomunicazione.

Con la ricostruzione assunse la nuova classificazione:

- ALe.184.001 -


Clic foto



- Schema da: Mondo Ferroviario 143 -

Vennero eliminati tutti lussuosi arredamenti interni e riallestito, addirittura con panche di legno come su tante altre automotrici
leggere ricostruite in gran fretta.

I posti a sedere furono originariamente solo da 3a classe, così ripartiti:

- 88 nella vettura provvista di compartimento bagagli con serranda -
- 90 nell’altra unità -


In questa prima ricostruzione vennero mantenute le caratteristiche “gobbe” che erano il tratto distintivo di entrambe le vetture
che componevano l’elettrotreno “autarchico” e che celavano le abbondanti riserve d’acqua necessarie ai servizi offerti
dal treno e alle esigenze degli ospiti.

Con la soppressione della 3a classe i posti divennero tutti di 2a classe e il mezzo venne prevalentemente impiegato per i servizi
tra Roma e i Castelli, in composizione ad altre automotrici della “prima generazione” ed anche sulle relazioni per Pescara
e Orte.

Nel 1962 le 2 motrici vennero separate e assunsero la classificazione di ALe.880.118 quella munita di bagagliaio e ALe.880.117
quella che ne era priva.

Con tale modifica anche la velocità di 130 km/h venne abbassata a 110 km/h, mediante sostituzione dell’originario rapporto
di trasmissione 16/43 con il 14/43.

Accoppiate ad un rimorchio semi-pilota Le.640 o semplice Le.680 come tali prestarono servizio fino al 1978 a Roma e zone
limitrofe, per venire poi assegnate al Compartimento di Bologna.

Da Bologna i 2 mezzi espletarono servizio per parecchi anni sulla linea Porrettana oppure verso Ravenna e Prato, spesso
in composizione ad altre automotrici dei Gruppi 880 e 790.

- Link correlato Porrettana: http://www.marklinfan.com/f/topic.asp?TOPIC_ID=3170 -

Successivamente i 2 rotabili andarono a ricomporre il treno originario, venendo nuovamente accoppiati, ma questa volta con
agganci di tipo ordinario, con maglia e tenditore.

Nonostante le soluzioni economiche adottate, questo complesso effettuò servizi abbastanza regolari fino ai primissimi anni ‘80,
quando le 2 unità vennero accantonate, sempre presso il deposito locomotive di Bologna.

Le soluzioni economiche adottate riguardavano; la motorizzazione, con gli stessi motori Tipo 72-50 FS che equipaggiavano
le ALe.790 e ALe.880 e anche gli stessi carrelli, i quali però avevano sospensioni meno raffinate di quelle degli ETR.200.

- Link correlato ETR.200: http://www.marklinfan.com/f/topic.asp?TOPIC_ID=3206&whichpage=1 -

Il convoglio non è stato preservato a scopo museale.



- Le 2 unità nuovamente insieme a Bologna nel marzo 1986 -

Clic foto



- Foto Giuseppe Lippolis / da: Mondo Ferroviario 143 -



- L’elettrotreno autarchico -

L’elettrotreno ALSe 10 allo stato di origine -

Clic foto




- Foto Centro Storico Fiat / da: Mondo Ferroviario 143 -

L’espressione un poco dispregiativa di “elettrotreno autarchico” ad esso assegnata, era giustificata dal fatto che il treno,
commissionato alla FIAT per la parte meccanica, fu tra quelli realizzati con la cassa provvista di pannellature esterne
in alluminio rivettate all’intelaiatura interna in acciaio, il tutto ricoperto da coprigiunti in corrispondenza
tra lamiere adiacenti.

Questa soluzione, diede alle unità così realizzate un aspetto del tutto particolare, esteticamente meno felice di quello delle
motrici realizzate con cassa in tutto acciaio con fiancate lisce in quanto elettrosaldate.




- Interni -

Il convoglio disponeva di un piccolo appartamento destinato al capo del Governo, formato da una sala riunioni, una camera
da letto con toilette, provvista di vasca da bagno, e di due cabine a 1 e 2 posti con divani letto per i suoi stretti collaboratori.

Questi ambienti erano provvisti di telefono.

Erano presenti 3 cabine singole e 2 cabine a 4 posti per gli accompagnatori, dotate di divani trasformabili in letti, e anche
un compartimento a 3 posti a sedere per il personale FS di scorta.

I vani di servizio comprendevano un locale dispensa e ghiacciaia, una cucina, un locale caldaia, una cabina radio- telefonica
e un vano bagagli.




- Il lavabo nel bagno della maggiore autorità -



- Foto Centro Storico Fiat / da: Mondo Ferroviario 143 -



- Particolare di una delle “suites” dell’elettrotreno con gli arredi nel classico stile dell’epoca -



- Foto Centro Storico Fiat / da: Mondo Ferroviario 143 -



- Anche gli arredi della sala riunioni rispecchiavano lo stile di quel periodo -



- Foto Centro Storico Fiat / da: Mondo Ferroviario 143 -



- Dati tecnici -

- Anno costruzione: 1940 -

- Rodiggio: Bo’Bo’ + Bo’Bo’ -

- Diametro ruote motrici: 910 mm -

- Lunghezza: 55.160 mm -

- Motori: 4+4 Tipo 72-50 FS -

- Potenza oraria: 2x768 kW -

- Potenza continuativa: 2x300 kW -

- Velocità massima: 130 km/h -

(poi 110 km/h come ALe.880)

- Unità costruita: 1 -

- Numerazioni -

- Accoppiate -
- ALSe 10 -
- ETS 11 -
- ALe.184.001 -

- Separate -
- ALe.880.118 (bagagliaio) -
- ALe.880.117 -


- Costruttori: FIAT-Marelli -




- Fonte Giuseppe Lippolis / da: Mondo Ferroviario 143 -
- it.wikipedia.org -

- Nino -
Go to Top of Page

Nino Carbone

6171 Posts

Posted - 09 September 2017 :  13:30:29  Show Profile  Reply with Quote


- Ricostruita, nell'immediato dopoguerra, con tutti posti di sola 3a classe, la ALe.184 è qui ripresa sulla Roma-Ciampino
mentre transita nei pressi dell'acquedotto Claudio, accoppiata ad una ALe.790 -


Clic foto



- Foto Centro Audiovisivo FS / da: Mondo Ferroviario 143 -


- Nino -
Go to Top of Page

Nino Carbone

6171 Posts

Posted - 27 September 2017 :  12:31:56  Show Profile  Reply with Quote


- ALe.880.118 - unità munita di bagagliaio - a Bologna il 10 maggio 1992 -

Clic foto



- Foto da: transpress.blogspot.it -


- Nino -
Go to Top of Page
  Previous Topic Topic Next Topic  
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Märklinfan Club Italia © 2008-2021 Märklinfan Club Italia Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06